Carfora: “Persiste ancora il retaggio culturale del posto fisso pubblico…”

carfora




A mio avviso, lo scandalo non sta tanto nel fatto che dei laureati abbiano vinto il concorso per “lavorare”nell’Asia, ma nella totale mancanza di ambizione da parte di questi giovani che anziché cercare di riscattarsi con le proprie capacità e conoscenze acquisite attraverso il percorso formativo che hanno fatto, vanno alla ricerca del posto fisso.

Sarà solo per avere uno stipendio garantito dallo Stato?

Ci sono tantissime figure professionali e mansioni lavorative che mancano nel mercato libero, perché questi giovani invece di mettersi in discussione e lavorare, dico lavorare seriamente, vanno alla ricerca del posto fisso?
Sarà solo per la misera tranquillità economica di fine mese alla Checco Zalone, oppure, anche per non fare niente?
Ogni anno dal meridione d’Italia perdiamo migliaia di giovani che si sono formati, che sono vivi, ricchi di entusiasmo e che lasciano i propri affetti, la propria terra per andare in altre regioni, in altre nazioni alla ricerca di un riscatto dignitoso della propria persona, ma anche per valorizzare le proprie competenze che si trasformano in ricchezza economica e sociale delle comunità che li accolgono .

Attenzione

A questi giovani va rivolta la nostra sentita attenzione per evitare che continuino ad emigrare in altri lidi…
Tutti quelli che restano al sud Italia per il posto fisso perché non hanno voglia di far niente e che sono già vecchi, morti interiormente e mentalmente non va prestata tanta attenzione. Tanto sono sempre esistiti e sempre esisteranno, fanno parte del gioco .

Però, bisogna prendere atto che con i giovani che cercano solo il posto fisso, che sono privi di entusiasmo e senza voglia di fare niente e che sono degli autentici sfaticati, il nostro paese non avrà mai un futuro prosperoso …
[smiling_video id=”413203″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*