Casa del Contemporaneo inaugura la stagione del TK di Castellammare con lo spettacolo “A pesca di emozioni”

castellammare




Il centro di produzione teatrale Casa del Contemporaneo inaugura la sua stagione al TK di Castellammare di Stabia dal titolo evocativo “Coltivare arte” in due giornate: sabato 26 novembre alle 17.00 per la rassegna Young propone lo spettacolo “A pesca di emozioni” destinato a famiglie e bambini dai 3 anni (ingresso €8). Domenica 27 novembre ore 19.30 la stagione serale si apre con “Due con. La storia dei fratelli Abbagnale”, il primo docufilm sui leggendari campioni di canottaggio italiano: i fratelli Abbagnale.

A questa prima proiezione pubblica al cinema, al di fuori di un festival, saranno presenti i fratelli Giuseppe e Carmine Abbagnale, il timoniere Peppiniello Di Capua e uno dei registi, Gianluca De Martino, assieme a una delegazione di dirigenti della Federazione Italiana di Canottaggio, che ha concesso il patrocinio all’iniziativa rafforzando il comune impegno nella sensibilizzazione di giovani e giovanissimi al tema dello sport con la partecipazione delle scuole a una proiezione dedicata, nei giorni successivi.

Mare di Stabia

Ancora, domenica 27 novembre sarà inaugurata “Mare di Stabia”, la mostra fotografica di Pino Finizio, visitabile al TK fino al 28 gennaio 2023.

Il film evento “Due con. La storia dei fratelli Abbagnale” ripercorre la vita e i successi di Giuseppe e Carmine Abbagnale, pluricampioni mondiali e olimpici di canottaggio ed eroi italiani tra gli anni ‘80 e ’90, portando questa disciplina alla ribalta mediatica.

I fratelli, originari di Pompei e allenati proprio a Castellammare di Stabia, nel Circolo Nautico Stabia, divisi tra la fatica e lo studio, raccontano per la prima volta la storia dei loro incredibili successi internazionali, attraverso repertorio inedito, testimonianze di appassionati, giornalisti e avversari storici. Un avvincente racconto di vittorie raggiunte con passione, etica e sacrificio. Un viaggio emozionante in un recente passato leggendario dello sport italiano. L’inizio giusto per una stagione che, con il suo titolo “Coltivare arte”, vuole abbracciare ogni ambito che riesce a dare ampio senso alla parola ‘cultura’.

Grazie a sacrificio, passione e forza di volontà, i due fratelli hanno dimostrato di poter raggiungere ogni traguardo: Oro ai Giochi olimpici di Los Angeles nel 1984 e a Seul nell’88, Argento ai Giochi olimpici a Barcellona nel ’92, campioni mondiali dall’81 al ’91 e dal ’97 al ‘98. Attraverso repertorio inedito, testimonianze di appassionati, giornalisti e avversari storici, viene ripercorsa per la prima volta l’avvincente storia dei “Fratelloni d’Italia” e i loro incredibili successi internazionali accompagnati dal fedele timoniere Peppiniello di Capua.

Migliaia di italiani

<<La storia dei Fratelli Abbagnale – hanno spiegato i registi Felice Valerio Bagnato e Gianluca De Martino – ha appassionato l’Italia tenendo incollati alla tv migliaia di italiani. La loro è una storia di successo sportivo, sacrificio e passione, in cui si sono identificate migliaia di persone nel periodo della rinascita e di benessere alla fine degli anni ’80. Giuseppe e Carmine Abbagnale sono ancora per molti un ricordo vivo e il simbolo di un periodo storico di grande mutamento culturale e sociale, che si intreccia con importanti eventi internazionali che i Fratelli hanno attraversato e segnato con la loro barca da canottaggio>>.

Il film ha aperto l’8a edizione del Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo (2022).“Due con. La storia dei fratelli Abbagnale”, scritto e diretto da Felice Valerio Bagnato e Gianluca De Martino, è una produzione Solaria film e Peacock film, in collaborazione con Rai documentari e RSI televisione Svizzera.

Nella stessa giornata, sarà inaugurata l’esposizione fotografica di Pino Finizio, dedicata al mare di Castellammare di Stabia: barche dei pescatori che dondolano leggere prima di partire, alle prime luci dell’alba, imbarcazioni da diporto, grandi e piccole che affollano, soprattutto in estate, le acque della città stabiese, scuole di vela e di canottaggio, che hanno portato il nome di Stabia in tutto il mondo e le grandi navi costruite nei Cantieri. Questi i soggetti delle fotografie di Pino Finizio, musicista per professione e fotografo per passione, napoletano di nascita, ma stabiese di adozione.

L’evento è patrocinato della Federazione Italiana di Canottaggio.

La serata di domenica 27 novembre di Castellammare di Stabia è a ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

TEATRO KAROL

Via Salvador Allende, 4 (adiacente Parrocchia Sant’Antonio da Padova) – Castellammare di Stabia

081 18247921 (anche WhatsApp) e teatrotk@casadelcontemporaneo.it

www.teatrokarol.it


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*