IL “DIALETTO” NAPOLETANO “SEPPELLITO” NELLA CRUSCA




Da qualche tempo a questa parte è palese l’interesse per il Napoletano e non sólo a Napoli: nascono numerose iniziative anche attraverso i social  talvolta “arrangiate” e non proprio scientifiche ma con tanta buona volontà per salvare l’idioma di Eduardo, Viviani e della celeberrima canzone napoletana. Con legge regionale della Campania già da qualche anno inoltre è stato costituito un comitato scientifico per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio linguistico (e non dialettale) napoletano presieduto dallo scrittore Maurizio De Giovanni che annovera addirittura e tra gli altri, cattedratici membri della famosa Accademia fiorentina della Crusca. C’è da dire che la stessa Accademia ha curato una completa riedizione di un vocabolario del “dialetto” napoletano, Napoletano che come ben si sa non è un dialetto dell’Italiano né del latino ma  esso stesso evoluzione del latino volgare ovvero quello parlato dalle popolazioni campane che a sua volta è influenzato da lingue pre-latine (osche p.e.).

In tal senso è molto importante ricordare il Placito Capuano del 960 D.C., un atto di natura giuridica relativo ad una disputa su alcune proprietà rivendicate da Aligerno, abate di Montecassino. La sentenza è emessa da Arechi, giudice della città di Capua ed è consapevolmente scritta  per quanto concerne il giuramento dei testimoni in un volgare di chiara impronta campana. Infatti è considerato una delle prime (sicuramente la prima, per così dire “istituzionale”) attestazioni di un volgare che diremmo italico piuttosto che “italiano”, poiché l’Italiano è faccenda alquanto diversa.

In ogni caso,  certamente il volgare del Placito summenzionato non è in fiorentino!

Tornando al tema di cui sopra, sorprende davvero che un’istituzione quale l’Accademia  di Firenze, uno dei principali punti di riferimento per le ricerche sulla lingua italiana, la lingua del “parlar bene”, come si suol dire, s’interessi talmente tanto al nostro idioma da “sponsorizzare” perfino corsi di Napolitano filo “borbonico-identitari”,   inviando gli accademici di cui sopra a presenziare agli stessi.

L’Italiano in soccorso del dialetto Napoletano ed addirittura di stampo “lazzaro”, chi l’avrebbe mai detto!                  Un vero amore sembra essere scoppiato tra la lingua !aulica” di Dante ed il dialetto brutto sporco e cattivo per così dire turpiter barbarizant” (barbaro e spregevole, così come il sommo poeta definiva il c.d. volgare pugliese…) oggi Napulitano

Storie d’amor colonia, vecchie e simili

Da un punto di vista più concreto e sulla base di quanto già accaduto in altri paesi europei (Valencia p.e.) chi scrive invece non si sorprende affatto ma, come già denunciato da anni in diversi consessi, locali ed internazionali, nota chiaramente che questa “evidente contraddizione ” non è casuale ma ….causale ovvero risponda ad un preciso “annacquamento” od edulcorazione del patrimonio socio-linguistico napoletano, laddove il Napolitano  storicamente e socialmente ha avuto (e per la nostra comunità partenopea ed emigrata, ancora ha) il rilievo e trasmissione non solo di lingua materna (non negata nemmeno dai cattedratici di cui sopra…)  ma di funzionalità (a livello istituzionale documentata già secolo X° con il già citato Placito e successivamente in un periodo di circa 200 anni) senza calcolare la produzione letteraria a llengua nosta vecchia di sette secoli (almeno).

Edulcorazione e mistificazione socio-linguistica – a danno dei parlanti Napolitano – dai chiari accenti e devianze lombrosiane che sono potentemente presenti sia nella cultura didattica italiana sia attraverso rappresentazioni mass-mediatiche (fictions, opere cinematografiche e teatrali) che fanno tra l’altro il giro del mondo. Precisamente denunciate da chi scrive alle autorità preposte regionali, comitato di cui sopra incluso.  Invano purtroppo

La storia  allora di quest’amore scoppiato, così potente tra il dialetto dell’Arno e la nostra lingua materna che si vorrebbe appunto seppellita nella Crusca (o annegata nell’Arno stesso…)  attraverso l’uso strumentale di realtà “autoctone” napoletane (solo nell’anagrafica) richiama alla mente storie di altre realtà linguistiche letteralmente colonizzate, fagocitate e minorizzate, sia in Europa che fuori. Non è affatto (di nuovo ) un caso che le istituzioni rappresentative di certi ambienti colonizzatori (linguistici ed economici) all’estero siano sempre le benvenute ed accolte con tanto di cappello da certe altre nostrane strettamente legate a centri di potere culturale centrale.….

Quanno ‘o diavulo  t’accarezza….

…Vo’ ll’anema…

Disgraziatamente quest’andazzo, in costanza dell’assenza istituzionale di una seria, veritiera, non pedante, ma profondamente ed invece pedagogica  “mparatura” d’ ‘o Nnapulitano, dimostra inequivocabilmente che l’intento è tutt’altro quello di preservare e diffondere ‘a lengua nosta (non si capisce perché si dovrebbe farlo via Firenze!) ma, soprattutto nel silenzio assordante circa la lesione dei principi democratici che stanno alla base dei diritti culturali in quanto diritti umani che ogni giorno affetta la comunità di lingua materna napolitana (ed aggiungiamo siciliana) che invece sembrano rilevare il contrario, o nella migliore delle ipotesi un interesse….”non disinteressato” rispetto ad un tesoro, quale ‘a lengua nosta su cui mettere ‘e mmane…nel nostro caso chin’ ‘e Crusca!

L’identità-  ἰδίωμα – invece, come c’insegnano i padri Greci è peculiarità di una comunità e nel nostro caso ‘a lengua nosta nun nasce a Ffirenze, né ‘int’o’ciummo ‘e ll’Arno né muore affucata dint’ a’ Crusca e men che meno si salva mediante  attività  “formative” che di Napoletano e d’identità, dimostrano di avere solo l’anagrafica, conservando  chiaramente e pubblicamente l’impronta tosca e ‘nfrangesata.

 

var url368937 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1151&evid=368937”;
var snippet368937 = httpGetSync(url368937);
document.write(snippet368937);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 19 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*