Coccia, Unione Popolare: “Buon voto compagni”




Permettetemi di definirvi così a poche ore dal silenzio elettorale, perché “compagno” è una bellissima parola: “cum panis”, dividere il pane, mangiare il pane insieme. E cosa c’è di più bello del profumo del pane appena sfornato, del pane che accompagna il “companatico”?
Se c’è una cosa che mi affascina della religione cristiana è l’idea del pane che si moltiplica, che si trasforma in comunità. Quel pane che rischia di scomparire dalle nostre tavole per colpa della sconsiderata guerra, quel grano che rischia di marcire nei silos di Odessa, quel grano che doveva svuotare gli arsenali (ricordo di Pertini).

Sinistra possibile

E, comunque andranno queste elezioni, si è dimostrato che un’altra SINISTRA È POSSIBILE, e mi dispiace per quelli che hanno scelto le scorciatoie anziché il lungo cammino del PENSIERO RIBELLE. Mi dispiace per quei compagni che hanno scelto la trave e non la pagliuzza, di prendere il treno veloce anziché il lento cammino, talora a piedi nudi.
Perché i poveri, gli umili, gli esodati, i licenziati, le donne maltrattate e abbandonate, i bambini che una madre lascia su un barcone sperando che si salvino e non siano costretti ad imbracciare un fucile, camminano come noi, a piedi nudi.
Kadisha mi regalò delle pantofole dicendo: con queste attraverserserai il deserto.
Noi stiamo attraversando il deserto, ma sappiamo che troveremo un’oasi alla quale ci disseteremo.
Buon voto compagni.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*