Granato, Unione Popolare: “Incontro con Iglesias di Podemos”

radiazza




Sono cresciuto in un’Italia in cui in cima all’agenda politica c’era il famigerato “conflitto d’interessi” di Berlusconi.
Lui, il Cavaliere, proprietario di mille attività, tra cui 3 reti televisive nazionali. Attraverso Mediaset ha irradiato il suo potere, ha costruito senso comune e consenso politico.
Poi, quasi d’improvviso, senza che nulla mutasse, il tema è uscito dall’agenda.
Oggi, ogni tanto si torna a parlare di media e informazione. Hanno fatto comparsa espressioni come “fake news”; si ripete stancamente la litania sulla lottizzazione della RAI, quella sui contributi pubblici all’editoria. Con la guerra in Ucraina è tornata alla ribalta la questione della censura.

Ma il “potere mediatico” non è indagato nei suoi elementi strutturali

Come se non impattasse sullo stato di salute di una democrazia, sulle diseguaglianze di potere, sulla costruzione di egemonia.
Sabato 17 settembre a Napoli abbiamo una grande opportunità: arriva Pablo Iglesias.
“El coleta” è tra tra i fondatori di Podemos, ex Vicepresidente del Consiglio del Governo PSOE-Podemos, oggi instancabile animatore de La Base.

Fogne mediatiche

Con lui rifletteremo sulle “fogne” mediatiche, su dove risieda il potere per davvero il potere.
Perché è un punto interrogativo imprescindibile per chiunque abbia come obiettivo la trasformazione del mondo in cui viviamo.
Ci vediamo sabato 17 settembre alle 10:30 al Cinema Modernissimo a Napoli con Luigi de Magistris e Chiara Prato per Il potere mediatico.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*