Clemente: “Approvato ordine del giorno per mantenere la proprietà del Comune della Galleria Principe”

de luca




Per difendere il patrimonio culturale ed identitario della città di Napoli da ogni tipo di svendita e di speculazione, ricordandoci che i proprietari della città siamo noi napoletani, quelli di ieri, di oggi e sopratutto di domani ho proposto ed è stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno teso alla #valorizzazionediretta e al mantenimento della #proprietàpubblica del come #ComunediNapoli della Galleria Principe di Napoli al fine di dare seguito alla progettualità dell’Amministrazione Comunale sulla Galleria Principe, in particolar modo la realizzazione del #finanziamento per #10milioni di euro promosso dal Contratto Interistituzionale di Sviluppo e la valorizzazione delle imprese culturali e sociali che li sono nate in sinergia con gli enti pubblici promotori.
La Galleria quindi non sarà conferita ad #Invimit
Insieme con me, prima firmataria, i presidenti di commissione competenti Walter Savarese d’Atri, patrimonio e bilancio; Antonio Sepe commissione Urbanistica; Luigi Carbone commissione cultura, il consigliere Gennaro Acampora e tutti i gruppi politici dell’aula che hanno approvato dimostrando attenzione al tema all’unanimità.

Di seguito il testo dell’ODG

PREMESSO CHE:
• il complesso monumentale denominato Galleria Principe di Napoli, sito in Piazza Museo Nazionale, è un bene di proprietà in parte pubblica del Comune di Napoli e in parte privata ed è sottoposto al vincolo monumentale ai sensi del D.Lgs. 42/2004 e ss.mm.ii. (Codice dei beni culturali);
• esso si trova nel cuore della città, nel suo centro storico, crocevia di molteplici flussi culturali su scala metropolitana, nazionale e internazionale, un contesto nel quale operano e incidono diverse istituzioni che contribuiscono all’arricchimento del panorama culturale: dal Museo Archeologico Nazionale all’Accademia di Belle Arti, dal Conservatorio di San Pietro a Majella a diversi Dipartimenti universitari
• la Galleria è sempre stata nella vita della città un “progetto a metà”: risalgono al 1904 le prime lettere di cittadini che denunciano lo stato di abbandono del bene;
• nel 2013 la Giunta Comunale ha deciso di investire in questo bene, e con la Deliberazione di Giunta Comunale n. 994 dell’11.12.2013 ha approvato e fatto proprio il progetto “Common Gallery” dell’Assessorato ai Giovani e alle Politiche Giovanili, ideato con la partecipazione e l’adesione di vari Enti: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per Napoli e Provincia; Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Accademia delle Belle Arti; Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei; Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella; Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (A.N.P.I.);
• con tale provvedimento si dava fra l’altro il via agli Uffici competenti ad avviare procedure a evidenza pubblica finalizzate all’assegnazione a titolo oneroso dei locali posti all’interno della Galleria;
• in vista della pubblicazione del primo Avviso Pubblico di assegnazione dei locali, l’Amministrazione Comunale ha avviato una profonda operazione di riqualificazione del bene lavorando al restauro delle facciate esterne, alla rimozione di molti abusi perpetuati dal 1935 (data degli ultimi rilievi catastali) e alla differenziazione di notevoli quantità di rifiuti accatastati nei locali presenti in Galleria;
• nel dicembre 2016 in Galleria è stata inaugurata la prima attività del nuovo ciclo: la “Bycicle House”, finanziata dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale nell’ambito del progetto “Giovani per la Valorizzazione dei Beni Pubblici”;
• a conclusione del primo ciclo di procedure, sono stati affidati, fra porticati e spazi interni alla Galleria, i locali siti ai civici: 9 e 10 dei porticati, 8 dei porticati con ingresso dal civico X della Galleria, I-V, VI e VII, XIV-XVII, XXIII, XXV, XXVII e XXVIII;
• nella Galleria è presente ai civici IX, XII e XIII il Centro giovanile comunale “Common Gallery”.
• nella Galleria è presente ai civici XXXII e XXXIII il primo nucleo del Museo della Resistenza, la cui gestione è stata affidata all’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (A.N.P.I.) con Deliberazione di Giunta Comunale n. 742 del 28.12.2017;
• a conclusione del secondo ciclo di procedure ad evidenza pubblica, sono stati affidati, valorizzandoli e mettendo a reddito, fra porticati e spazi interni alla Galleria, i locali della Galleria siti ai civici XVIII, XIX e XX, XXI, XXVI dove sono nate imprese culturali e di natura sociale quali il “Caffè Bistrò – Le Lazzarelle” – il Laboratorio Artigianale orafo “Annachiara Gatto” – la “Casa da concerto della musica classica napoletana – “Napulitanata” – il Caffè “Espresso Napoletano” – la “Tesoreria” Biblio Bistro della Napoli Borbonica – .
• il 3 dicembre 2020 il Comune di Napoli ha sottoscritto il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) “Napoli–Centro Storico” per la realizzazione del progetto integrato per il recupero e la riqualificazione del centro storico, finanziato per 89,5 milioni di euro a valere su risorse FSC 2014-2020, di cui è Autorità di Gestione il Mibact, nell’ambito del quale ricorre l’intervento di restauro delle facciate interne, della pavimentazione e dei porticati della Galleria Principe di Napoli per un complessivo valore di € 10.000.000,00;
TENUTO CONTO CHE alla luce del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) “Napoli–Centro Storico” l’Amministrazione intende preservare i locali siti ai civici VIII e XXII della Galleria Principe di Napoli e 7 e 8 di Piazza Museo Nazionale per finalità pubbliche e istituzionali;
CONSIDERATO CHE il Comune di Napoli e il Museo Archeologico Nazionale di Napoli hanno convenuto di collaborare nella realizzazione di progetti nei locali ancora liberi in coerenza con la più generale strategia di valorizzazione del progetto “Common Gallery” e nel rispetto del ruolo di attrattore culturale e promotore di rigenerazione urbana su base culturale svolto dal MANN, nell’ottica di una iniziativa congiunta e condivisa che possa rispondere in modo efficace e sistemico alla necessità di riqualificare il complesso della Galleria Principe di Napoli e il suo collegamento con il MANN e l’area circostante a partire dai locali individuati ai civici VIII e XXII, e finalizzato alla creazione di un distretto culturale che metta in rete le istituzioni culturali pubbliche e private che operano a vario titolo sull’area e consenta di fornire una adeguata risposta alla domanda di inclusione sociale, con particolare riferimento alle categorie maggiormente svantaggiate;
che è stato siglato un accordo di collaborazione tra il Comune di Napoli e la Rete di imprese costituita da tutte le realtà presenti all’interno della galleria al fine di valorizzare e realizzare una programmazione culturale negli spazi comuni;
VALUTATO CHE con la sottoscrizione del Patto per Napoli nell’ambito del Piano di Valorizzazione ed efficentamento del patrimonio immobiliare de Comune di Napoli in applicazione del punto 2 degli obbiettivi di Patto, il Comune ha avviato attività propedeutiche alla redazione di piani di valorizzazione e alienazione del patrimonio immobiliare, coinvolgendo Invimit Sgr, società interamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, per la strutturazione e l’applicazione del piano.
Invimit Sgr di concerto con il Comune di Napoli ha avviato le analisi dalle quali scaturisce il Piano di Valorizzazione del Patrimonio Immobiliare del Comune di Napoli attraverso una prima ricognizione e riclassificazione dell’intero patrimonio di proprietà del Comune, selezionando un primo cluster di immobili valorizzabili attraverso il trasferimento ad un fondo (comparto) appositamente costituito per il Comune tra i quali rientra la Galleria Principe di Napoli;
che la mission di Invimit Sgr consiste nell’istituzione e gestione di fondi comuni di investimento immobiliare con la finalità di valorizzare ed efficientare gli asset conferiti o trasferiti ai fondi, anche attraverso dei piani di dismissione degli stessi, con l’obiettivo di perseguire la riduzione del debito pubblico in capo allo Stato ed agli enti pubblici proprietari dei portafogli immobiliari;
che seguito del trasferimento del patrimonio immobiliare al Comparto Napoli, all’Ente sarà riconosciuto il 70% del valore degli immobili in quote del Comparto ed il residuo 30% come corrispettivo in denaro;
che il comparto sarà quindi costituito dal 70% Comune di Napoli e per il 30% dal Fondo i3Core che farà fronte al fabbisogno di capitali per la valorizzazione degli asset conferiti dal Comune;
che il Piano prevede – in un orizzonte temporale ultradecennale – il trasferimento a tranche di parte del patrimonio immobiliare del Comune;
che la prima tranche di apporto di immobili, quantificata a seguito di prime valutazioni ed analisi sarà pari a circa 600 unità con un valore non inferiore a circa 30 milioni di euro.
Si impegnano il Sindaco e la Giunta
A valorizzare direttamente come Comune la Galleria Principe di Napoli al fine di dare seguito alla progettualità dell’Amministrazione Comunale sulla Galleria Principe, in particolar modo la realizzazione del finanziamento per 10 milioni di euro promosso dal Contratto Interistituzionale di Sviluppo e la valorizzazione delle imprese culturali e sociali che li sono nate in sinergia con gli enti pubblici promotori.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*