Napoli veli e oscurità tra tradizione e mistificazione




Discorrere della Napoli esoterica, pagana e cattolica assieme, misterica e solare potrebbe sembrare una noiosa quanto inutile ripassata di cose dette, stra-dette, un’inutile ed appunto fastidiosa operazione stereotipica e folcloristica che nulla aggiungerebbe e nulla toglierebbe al racconto ( o meglio cunto) circa ciò che nonostante tutto rimane, seppur acciaccatissima, capitale della Magna Grecia.

Non è di questo infatti, o meglio, non nei soliti termini che da osservatore e umile studioso di certe dinamiche socio-linguistiche e culturali più ampiamente delle cose neapolitane, si desidera porre all’attenzione.  Ciò che si vorrebbe analizzare è una sorta di “moda” (chiamiamola eufemisticamente così) che da qualche tempo vede protagonista il famoso e stracolmo di virulente invidia, improperio “paradiso popolato da diavoli” di toscana ed interessata memoria sganciato come “a ‘nu sicchio ‘e mmunnezza” sulla nostra città . In realtà questa sorta di filone che osserviamo nell’arte cinematografica come in quella del romanzo o nella fumettistica è vecchio almeno di cent’anni  se non vogliamo andare più dietro ancora fino al diciottesimo secolo come appresso si cercherà di argomentare.

Indicativo ad esempio l’accento posto  su di una presunta identità che si vorrebbe esser fatta recuperare attraverso un “percorso” molto particolare, un tragitto molto poco solare e molto…velato, proprio il velo che si vorrebbe (si dice) far cadere per una certa “iniziazione” prodromica di un presunto ri-sveglio ….. Cca però c’âmm’ ‘a spiecà.  In realtà ciò a cui si assiste non è altro che una riproposizione in termini potremmo dire “indigenisti”, di una vecchia scuola positivista mai tramontata in Italia che dalle nostre parti assume forma  ed aspetti che da un lato appaiono come squisitamente popolari, genuini e intrisi di quella speciale identità napoletana nel suo rapporto con la divinità o l’ultraterreno ma che, in sostanza, ad una più attenta analisi, non è invece estranea (anzi) ad una certa ideologia esoterica che nulla a che a vedere con espressioni e sentimenti autenticamente popolari, ideologia che, da metà del secolo diciottesimo è molto pervicace nella nostra città.

Oscurità e veli non svelati.

Quanto sopra è evidente ad esempio nella messa in scena di spettacoli televisivi, teatrali, pubblicazioni, in una certa fumettistica,  rappresentazioni artistiche manuali, allestimenti museali ed artigianali. Il taglio predominante dei cui è la caratterizzazione tricolorata “nero-giallo-rosso” con sfumature di viola e talvolta rosé.

Un primo potente filone è quello per così dire “gomorrista” a volte sotteso altre “luciferino”, con le sue venature violente, immortalmente malefiche che è oramai un vero “cult” anche in quelle espressioni artistiche (tralasciamo la tragicità di essere diventato un modello sociale e comportamentale per almeno due generazioni di campani e non solo) che si presentano come celebrative  della tradizione artistica, popolare (soprattutto) napoletana.  Messe in scena di opere  cinematografiche o teatrali deformate da uno specchio lombrosiano che ancora una volta imprime il suo “marchio” color noir  sulla pelle della comunità “meridionale” e napoletana nello specifico.

Il primo pigmento è appunto il “noir” cui segue quello “rosso”, come un antro vaginale che espelle sangue placentale per dar luce a un nuovo essere.  Che non ha nulla a che vedere con la profonda tradizione tra il pagano e il cristiano del presepio napoletano, anzi.  Anche questa bellissima tradizione artistica non sfugge a certe immissioni contingue  a quell’ideologia esoterica, macabra sconnessa da ogni popolare pietas, che affonda come detto nel Settecento e che si ricongiunge in un abbraccio mortifero, faustiano e metapschico nella pseudo scienza lombrosiana tra fine Ottocento ed inizio Novecento.

A questo filone “gomorriano” che è precipuo alla narrativa neo-lombrosiana (l’atavismo criminale, il familismo amorale, il cannibalismo,  del meridionale, ecc.)  che scade nell’apologia del male, in cui noir e rouge si fondono in un abbraccio mortale si affianca  la narrativa del giallo-nero e  in salsa borghese che dai tempi di Mastriani non ha mai risparmiato Napoli e il cosidetto “ventre di Napoli”  o la letteratura del mistero, quel “filo nero”, di matrice spiritista, che legava lo stesso Mastriani a Conan Doyle e che ha attratto scrittori come Pirandello e Capuana, con la loro fascinazione per la morte. Fascinazione e apologia della morte e della disincarnazione che, ancora una volta riprende, attraverso una sanguinolenta mistificazione e manipolazione cabalistica molto frequentemente massonica, miti , culti e tradizioni della nostra comunità (‘o munaciello, ‘e ccape ‘e morte, ‘a bbella ‘mbriana, ecc.) che si vedono appunto immersi in questa maniera in un oceano nero, mortifero totalmente sconnesso dalla pietas popolare o dal semplice sentimento finanche “pragmatico” (come quello di ottenere grazie pe ‘nu puosto ‘e fatica) ma, invece vengono attraverso la scarnificazione e disincarnazione, deformante in una sorta di remissione di peccati medianici, completamente esautorati, annichiliti, ponendosi (di proposito) nel racconto ad opera di autori ed autrici della borghesia meridionale, come (artatamente e fraudolentemente) ossequiosi della più intima e profonda religiosità popolare o semplicemente di tradizione cultuale.
Narrazione che colpisce simboli e miti consustanziali alla comunità, all’idioma di Parthenope (Sirena, Scugnizzo, Femmeniello, Anime d’ ‘o priatorio, ecc.) volgarizzati e violentati, masticati e vomitati come, appunto, “identità”.

Ecco allora, volti, corpi, (ibridismo, sfregiature, animalizzazione)  che sovente colpiscono la Femmena campana o Mater Matuta e il Fanciullo,  immagini che dalle pagine di certi romanzi o dalle scene filmiche assumono forme museali, teatrali, sempre con connotati in cui affetti, sentimenti, culti, addirittura folclore vengono “plasmati” mistericamente e transumanizzati, deformati, violentati verso piani necrofili e appunto spiritisti. Dove predomina il nero. Come sempre. Figure, immagini,  miti, arcani che si presentano come dis-velati ma che in realtà sono occultati. Appunto. Dove Ulisse incontra non sua madre ma un fantoccio mosso da energie demoniache (ancor una volta fraudolentemente viene a colpirsi ed è questo forse o non forse l’intento profondo, anima e psiche greca ).

Linguicidio e Indigenismo

Tipico infatti dell’ideologia lombrosiana incasellare il “meridionale” nel ruolo di violento, atavico e/o primitivo e femminicida. In tal senso notasi chiari ed evidenti stereotipizzazioni a carico della donna meridionale “druda”, prostituta, “vittima” obbligata di un atavico patriarcato che esigerebbe evoluzioni sociali e transumanze (ancora) geografiche e d’identità (secondo il classico femminismo bianco).  Evidenti contenuti che rimandano inderogabilmente al crimine, al degrado o quanto meno allo stereotipo del “buon selvaggio”.

Osserviamo difatti, che negli ultimi anni su questo specchio ideologico, proprio dei paesi in cui insistono comunità autoctone o “native” per lo più, in concreto, culturalmente e socialmente, vittimizzate, si è più decisamente proiettata una visione metapsichica, costruita ad arte e venduta come “identità” popolare. Non sfugge, in questo contesto l’espressione linguistica, soprattutto napoletana esportata, secondo questa ideologia, internazionalmente. La risposta più comune e più banale che si da in genere a queste osservazioni consiste nell’affermare, rispetto a vari prodotti commerciali, come ad esempio le numerose fictions o soap opera girate al Sud, una presunta caratterizzazione realistica , o presunta denuncia, di racconto “neorealistico”, di ottima fattura artistica. Invero non si comprende dove e come si denunci cosa, quanto invece si mostra palese da un lato un’istigazione all’imitazione di modelli anti democratici, per così dire “immortali” o di risibili ed aquiscienti indigenismi, quanto non più di mortifere mistificazioni ed alienazioni culturali (necrofilia, culto del macabro, etc.),spacciate appunto come “identità” e “tradizione”, dall’altro. Ecco quindi le azioni sociali di personaggi (specie donne) fisicamente oltre che linguisticamente deformati, si potrebbe dire secondo modelli e status vincenti (magrezza, accenti ed edulcurazioni della lingua materna) che si pongono a monito educativo ed ad esempio, in una sorta di paternalismo (!) verso gli altri autoctoni che linguisticamente e con il loro modus agendi vanno “evoluti”, grazie a questi modelli appunto rappresentativi di “nordiche” civiltà. Secondo il cliché dell’ “house nigger” o indiano “sbiancato” (ideologicamente oltre che linguisticamente).

In questo contesto assume rilevanza il problema della lingua, vera espressione più intima e diretta della città di Parthenope. Il Napoletano a rischio, vulnerabile statuì l’Unesco qualche anno or sono, quel Napoletano che come idioma romanzo non è debitore dell’Italiano, a questo precedente con salde radici nella Magna Grecia e nel sostrato fenomenale osco, evolutosi attraverso il latino popolare, ed arricchitosi e sublimando culture linguistiche di ogni dove nel corso dei secoli. Il Napoletano scaduto a triviale neologismo criminale in certe fictions, elemento “identitario” di un degrado morale e sociale – atavico – pur nella possibile reazione e (presunto) riscatto sociale di alcuni romanzi e fictions, forzato, edulcorato e stereotipizzato in forme sciattamente e qualunquisticamente indigeniste, quanto meno impalbabile perfino nell’accento, per finire con formulazioni italianeggianti, prive di alcun senso, di altre.
In questo modo, quella mistificazione e finale annichilimento del Napoletano praticamente appare evidente: assistiamo ad una de-strutturazione, de-costruzione del patrimonio linguistico e quindi culturale della comunità napoletana, in Italia e all’estero: un vero e proprio linguicidio perpetrato, proiettato e promosso multilateralmente da certe elites culturali centrali. E non.
Dalla lingua della criminalità a quella del degrado morale e sessista a quella folcloristica e priva di reale senso popolare, alla lingua scarnificata, appaiono evidenti costanti attacchi alla coscienza del se popolare napoletano, mediante strumentalizzazioni atte alla de-privazione della sua lingua, indi tentativi di de-privazione dell’intima identità (ἰδίωμα) di questa comunità culturale che comunque, resiste a questo scivolare (indotto) verso l’”Osso di seppia”, per dirla con Montale. O contro infiltrazioni faustiane che non appartengono a questa civiltà.

Disgraziatamente chi scrive auspicherebbe che tutto quanto sopra fosse frutto di una personale fantasia (magari!) ma le conferme rispetto alle tesi succitate arrivano potenti e frequenti, ovviamente non dall’Italia ma dall’estero, soprattutto da comunità e personalità accademiche che per loro sfortuna sono a fronteggiare situazioni di colonizzazione culturale e sociali da almeno cinquecento anni. Ci riferiamo ai numerosi e positivi attestati, assensi circa quelle argomentazioni e collaborazioni con il Latino America, in ispecie e non da ultimo con alcuni paesi di comunità di origine afro. Attestati e riconoscimenti internazionali che toccano all’UNESCO cui chi scrive si occupa per il Napoletano del Decennio Internazionale delle Lingue Indigene 2022 -2032.  E non crediamo sia un caso.

Tutto ciò nel silenzio assordante delle istituzioni competenti che nella città di Napoli e del territorio regionale sono state moltissime volte sensibilizzate su quanto sopra. Incluse quelli universitarie all’uopo costituite. Invano.


var url343639 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1151&evid=343639”;
var snippet343639 = httpGetSync(url343639);
document.write(snippet343639);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 18 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*