Perché oggi è necessario utilizzare una VPN per leggere i giornali online?

VPN




Dire che una VPN sia necessaria per leggere i giornali online – almeno in Italia – non è esattamente la verità. Però si rivela assolutamente consigliabile per tanti motivi accessori – tra cui quello di consultare gli articoli gratuitamente!

Le VPN e il monitoraggio degli IP

I giornali online hanno dovuto ricercare dei nuovi modelli di business per guadagnare. Contrariamente alle loro versioni cartacee, l’esperienza negli anni passati ha dimostrato che l’utilizzo delle pubblicità non riesce a coprire totalmente i costi connessi con la distribuzione digitale della testata, e quindi, è necessario far pagare gli articoli ai lettori.

Come avrete visto, molti quotidiani seguono un modello ibrido: un visitatore ha a disposizione un limitato numero di articoli in libera lettura ogni mese. Se si supera questa soglia, bisogna pagare un abbonamento. Questo accade perché il sito traccia il nostro IP, e verifica quante volte si è collegato recentemente.

Ma una VPN (cliccate qui per vedere una VPN cos’è) ha una funzione che permette di ingannare il server, nascondendo il proprio IP. E questo consente quindi di leggere tutti gli articoli che si vuole senza dover pagare l’abbonamento.

Il problema della censura

Ci sono però dei paesi dove, contrariamente dall’Italia, è impossibile leggere notizie libere e indipendenti dalla censura di regime: è questo il caso dei paesi totalitari, che bloccano l’accesso alle fonti di informazione corrette e indipendenti, come per esempio accade in Cina, Russia e Iran. Per esempio, i sistemi governativi cinesi bloccano l’accesso a certi siti a tutti gli IP che sembrano geolocalizzati nella repubblica Popolare Cinese. E questo non vale solo per i quotidiani: vale anche per siti quali Google e Facebook.

Utilizzare una VPN permette di aggirare questo problema. Il sistema consente di nascondere l’indirizzo IP del proprio dispositivo, e di far figurare la connessione come se avvenisse da qualche altro paese al mondo. In questo modo, l’accesso al sito bloccato avviene senza problemi.

È ovvio che questi paesi mettono in atto delle adeguate contromisure per bloccare l’utilizzo delle VPN, che nei loro territori è considerato un crimine, ma è altrettanto vero che le VPN cambiano costantemente i propri indirizzi IP in modo da evitare i blocchi dei governi. È una guerra di libertà che viene combattuta costantemente per dare alle persone la possibilità di informarsi senza censure e imposizioni.

La crescita delle attività sulla rete

Il problema della diffusione delle informazioni a livello globale sarà uno dei grandi temi del futuro. Lo scambio di dati rappresenta la probabile attività principale degli anni a venire, e il nostro pianeta nel suo complesso si avvantaggerebbe da una loro diffusione trasparente e senza intoppi.

Purtroppo, questo va a scontrarsi con le politiche interne di paesi importanti, che ostacolano questo processo per i propri scopi di controllo dell’ordine sociale. Per questo motivo, l’utilizzo di una VPN, come salvaguardia della propria libertà e autonomia, rappresenta un’attività fondamentale.

Conclusioni

Inoltre, diventa essenziale anche per proteggersi dalle attività di cybercrimine, che sono cresciute in modo esponenziale negli scorsi anni. Per questi motivi, valutare di utilizzare una VPN durante il proprio lavoro è diventato ormai fondamentale per tutti, e non solo per leggere un articolo in più.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*