Coccia, Unione Popolare: “Tutta indietro”

san domenico maggiore




I tavoli della pizzeria a Piazza Carità occupano interamente il marciapiedi. Per andare al panificio devi o passare tra sbuffanti camerieri chiedendo permesso o farti arrotare dalle auto che provengono da via San Liborio. I Borbone avevano decretato che su via Toledo non si dovesse mangiare, oggi è tutto una friggitoria, e quindi tavoli dappertutto e soprattutto unto e cartacce. La rinnovata fontana di Pagliara dinanzi all’ex banco di Napoli è, a pochi mesi dalla sua apertura, una discarica di tutti coloro che la usano per mangiare. I Portici di San Giacomo sono diventati un pubblico pisciatoio, così come l’ingresso del garage dello store Piazza Italia a via Galluppi.

A Via Tribunali i portici non sono più percorribili, i cittadini e i turisti camminano in strada

Il centro antico è diventato una Disneyland. Non c’è più posto neanche per gli artisti di strada che lo avevano animato, anche lì le campane della differenziata, perennemente traboccanti, sono utilizzate dagli esercizi della zona per i loro rifiuti speciali. I bidoni della differenziata, anche quelli che dovrebbero essere tenuti all’interno degli androni, sono in strada. Il bar all’ingresso di San Domenico Maggiore, chiuso la settimana di Ferragosto, ha lasciato per una settimana i cassonetti traboccanti nell’androne di ingresso del complesso monumentale. Le vergognose file di cassonetti dell’indifferenziata a via Duomo e via Vicaria Vecchia non vengono lavate da secoli e, pure quando sono vuote, impestano l’aria. I cestini, anche se svuotati, lasciano in strada tutto ciò che era traboccato o vi era stato depositato attorno…questa è la Napoli di oggi. Se oggi qualche commissario dell’UNESCO decidesse di venire a Napoli ad ispezionare, questo è ciò che troverebbe.
E non mi dite che è la Napoli di sempre. Basta sentire chi è venuto in città solo tre anni fa e chi viene oggi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*