Carfora: “Le fonti energetiche sono beni strategici che lo Stato ha il dovere di controllare”

confimi




“Le fonti energetiche sono beni strategici che lo Stato ha il dovere di controllare, di calmierare i prezzi e di sottrarre alla speculazione del mercato liberista, nell’interesse del bene comune”.

Lo afferma il presidente di Confimi Industria Campania Luigi Carfora

“Le aziende piuttosto che limitarsi ad esibire le mega-bollette, quasi a voler giustificare gli aumenti dei loro prodotti nella speranza di ritrovarsi con minor concorrenza, pretendano invece, come chiediamo da tempo, misure decise e rigorose, interventi strutturali, rifiutando la logica dei bonus-mancette che allungano l’agonia delle imprese ma non scongiurano ne’ il rischio fallimento ne’ il crollo del potere d’acquisto delle famiglie”. Per Carfora “non si tratta di sposare teorie stataliste o assistenzialiste ma di garantire giustizia sociale, proteggere il tessuto produttivo del Paese e il potere d’acquisto degli italiani”. “Senza un intervento deciso e decisivo del Governo – conclude il presidente di Confimi Industria Campania – le conseguenze economiche e occupazionali saranno, gia’ a breve, assolutamente catastrofiche, soprattutto al Sud e in Campania”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*