Mobilità, ritorno al passato

napoli




La Giunta Manfredi fa come i gamberi: un passo avanti e due indietro!
Grazie soprattutto alla forte mobilitazione di associazioni e comitati è tornata sui suoi passi rispetto all’ipotesi di riapertura del lungomare al traffico veicolare privato. E questo, per quanto ci riguarda, è il risultato non scontato della protesta messa in atto. Purtroppo registriamo solo questo come passo avanti, ma poi sono tutti passi indietro!
E’ questa la conclusione cui siamo giunti dopo aver letto le dichiarazioni dell’assessore Cosenza su questa materia. Una concezione autocentrica che pone tutta la sua attenzione sul modo migliore di usare l’auto, come favorirne l’uso, come incentivarne la diffusione. Per fare questo non esita a scavare nel baule dei ricordi e tira fuori progetti vecchi, a suo tempo contestati e contrastati. La novità è che questi “conigli” vengono estratti dal cilindro con una “nuova” motivazione: quella di combattere i parcheggiatori abusivi.
Come se per combattere i borseggiatori si costringessero i passeggeri a lasciare a casa il portafoglio!
Ma l’abusivismo (figlio della disoccupazione atavica del Mezzogiorno e della penetrazione della criminalità organizzata) è materia di mobilità?

Ma l’assessore Cosenza ci è venuto o ce l’hanno mandato?

Se questa è la linea di questa Amministrazione, se questa è la “cultura” della mobilità che Manfredi e la sua Giunta esprime e prevede per Napoli noi continueremo a “volare alto”. Il quadro normativo nazionale ed europeo e degli amministratori delle più grandi città vanno in altra direzione.
Noi proponiamo un modello diverso che è molto più coerente con una visione moderna di una metropoli del futuro. Il progressivo aumento della pedonalizzazione nelle città è l’unica via d’uscita rispetto all’avvelenamento quotidiano di cui siamo vittime consapevoli ed inerti. In tal senso, se questo rischio fosse colto dagli amministratori delle grandi città in particolare, dovremmo assistere al potenziamento esponenziale del trasporto su ferro sotterraneo (le metro di Napoli sono ridicole da questo punto di vista considerato che transitano a distanza di quarti d’ora l’una dall’altra e terminano le corse alle 22). La stessa cosa dicasi per i treni “pendolari”: la Circumvesuviana e la Circumflegrea su tutti. Per non parlare della vetustà e del numero esiguo di autobus (tralasciando l’inesistenza di pensiline, pulizia, controlli, ecc). Ogni anno le funicolari di Napoli (autentica risorsa) vuoi per manutenzione, vuoi per assenza di personale, chiudono per lunghi periodi. Ma non è tutto prevedibile e, quindi, rimediabile?
Bisogna privilegiare mobilità alternativa e sostenibile: zone pedonali, a traffico limitato, piste ciclabili, linee tranviarie, parcheggi di interscambio, ecc.

Su questo ultimo punto veniamo alla “boutade” più macroscopica pronunciata dall’assessore Cosenza

Definisce, in una sua intervista a Il Mattino, la realizzazione di due parcheggi interrati (uno sotto piazza della Vittoria e l’altro sotto piazza degli Artisti) “punti fermi” del piano di recupero della vivibilità sul lungomare e nella zona della movida. Cose da pazzi!
Se si vuole sposare la sua “inaccettabile” linea di contrasto all’abusivismo della sosta, 250 posti auto (riteniamo di uso pubblico) sotto Piazza Vittoria sono una goccia nel deserto. Ne occorrerebbero, sempre seguendo la sua aberrante logica, 25000. Il lungomare è servito da 3 funicolari, una stazione Metro 1 e presto sarà servito dalla linea 6.
A piazza degli Artisti l’assessore non cita il fatto che siamo in presenza di box pertinenziali, ovvero di uso privato destinati ai proprietari di immobili nel raggio di 2 chilometri!!! Ovvero chi abita ai Camaldoli o al Corso Vittorio Emanuele, acquistando un box a piazza degli Artisti può “comodamente” ogni mattina andare a prendere l’auto per recarsi al lavoro (sic!). Come mai, come primo atto che manifesti almeno le buone intenzioni, non ha previsto di modificare il raggio di pertinenzialità portandolo, ad esempio, a 300 metri? E’ evidente che una pertinenzialità a due chilometri favorisce unicamente la speculazione immobiliare mentre una sua riduzione diminuirebbe l’appetibilità della progettazione e costruzione infinita di box destinandoli unicamente a chi abita nei pressi.

 

I parcheggi all’interno dei centri abitati sono attrattori di traffico, non lo contrastano!

 

Insomma sono tante le ragioni che ci portano a contestare e contrastare la linea di questa Amministrazione su questo tema e non mancheremo di farci sentire e vedere nelle strade, tra la gente, per ricondurla alla ragionevolezza ed al buon senso.
Franco Di Mauro Comitato San Martino
Enzo Russo Comitato Via Ruoppolo
Pio Russo Krauss Associazione Marco Mascagna
Biagio Palumbo Associazione De Bustis
Franco Marino WWF Napoli
Teresa Dandolo FIAB Napoli Cicloverdi
Paola Silvi Legambiente Parco letterario Vesuvio APS
Il Vomero è servito da 3 funicolari e 4 stazioni Metro!


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*