Coccia, Unione Popolare: “Il discorso è quanto c’è di femminista nella sinistra?”

autonomia




De Gregorio analizza la “questione” femminile, concludendo che mentre le donne di destra sono valorizzate nei loro schieramenti tanto da diventarne addirittura capi, la sinistra viceversa le affossa, ritenendo le quote rosa più una seccatura che una risorsa. Se la questione viene affrontata dal punto di vista solo del sesso, il ragionamento non fa una piega, se però lo affrontiamo da un punto di vista di classe e femminista, il ragionamento non si tiene. Innanzitutto la De Gregorio parla di un mondo che ha fatto della politica il suo mestiere, dove il sesso è puramente accidentale. La Meloni potrebbe essere tranquillamente maschio, e non parlo certo delle sue qualità fisiche, ma del suo linguaggio e dei suoi valori.

Da questo punto di vista il dibattito non è di nessun interesse

Il discorso è, invece, quanto c’è di femminista nella sinistra. Anche qui con qualche distinguo: il PD è di sinistra? Un partito che fa distinzione tra le vittime dell’Ucraina e quelle della Palestina e, addirittura, trova problematiche le candidature di due persone, l’uno per aver solidarizzato con il popolo palestinese e l’altro per aver ricordato la rivoluzione d’Ottobre, non credo che possa anvora definirsi di sinistra. Senza considerare tutto il resto. Allora il problema è un altro: ha la sinistra, che non si esaurisce a UNIONE POPOLARE, una politica per le donne? Secondo me è quello che va costruito in questi giorni che ce lo dirà. Intanto, anche nella frantumazione, il movimento delle donne, nelle sue sfaccettature, esiste ed è vigile, riconoscendo che analogamente agli operai e ai lavoratori, passi indietro questi governi spuri ce ne stanno facendo fare.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*