PNRR e Napoli: si lavora per finanziamenti alternativi per Villa Comunale, Virgiliano e Mausoleo Schilizzi

governo

Non è possibile per ora conoscere le motivazioni della mancata ammissione al finanziamento con fondi PNRR dei tre progetti presentati dal Comune di Napoli, per un valore complessivo di 6 milioni di euro, finalizzati alla riqualificazione della Villa Comunale – non ammessa per soli 3 punti – del Parco Virgiliano e del parco del Mausoleo Schilizzi. I servizi sono al lavoro per individuare fonti alternative di finanziamento, tra le ipotesi il nuovo bando del Fondo Sviluppo e Coesione, la nuova progettazione europea o i fondi del bilancio nazionale. È quanto il dirigente dell’Ufficio PNRR e Politiche di Coesione Sergio Avolio ha illustrato oggi nella riunione congiunta delle commissioni Monitoraggio della programmazione e degli interventi delle risorse del PNRR, presieduta da Catello Maresca, e della commissione Salute e Verde, presieduta da Fiorella Saggese.

Lacune progettuali

Per il presidente Maresca è necessario individuare le eventuali lacune progettuali che hanno causato il mancato finanziamento delle candidature avanzate dal Comune di Napoli, e va sollecitato un dibattito politico sulla ripartizione di questi fondi, che vedono solo 23 progetti finanziati al sud Italia a fronte dei 106 finanziati nel centro-nord. Occorrono maggiori risorse umane destinate alla progettazione, ha proposto, e va valutata per il futuro la possibilità di procedere in anticipo alla progettazione per i bandi europei, così da potersi trovare pronti in caso di eventuali ammissioni a finanziamento. La presidente Saggese ha chiesto chiarimenti sulle modalità di elaborazione delle progettazioni e sulla ripartizione a livello nazionale delle risorse del PNRR, che in questo caso sembra ben al di sotto della soglia del 40% prevista per il Mezzogiorno.

Proposta

Condivisa dai due presidenti la proposta della consigliera Iris Savastano (Forza Italia) di presentare un documento congiunto delle commissioni, rivolto al Sindaco e al Direttore generale che, anche alla luce di questa vicenda, chieda di destinare all’Ufficio PNRR più risorse umane per non perdere future opportunità di finanziamento.

Nel corso della riunione Sergio Avolio ha inoltre fatto il punto sulle altre progettualità in corso e sulle prossime scadenze per la presentazione di candidature a finanziamento. Tra queste, una sui servizi digitali per l’adozione e la migrazione dei servizi comunali sulla Piattaforma PagoPA, un’ altra per l’implementazione dei servizi disponibili sulla app ‘IO’ e una terza progettualità per lo sviluppo della parte ‘hardware’ delle pubbliche amministrazioni. Non sono ancora pervenute dai ministeri competenti, invece, gli esiti per le progettualità presentate in materia di Ambiente, Welfare e Asili nido.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*