Napoli, entro il 2023 i primi alloggi Erp in Via Giovanni Ansaldo

napoli

Tempi brevi per la conclusione del primo lotto del progetto di abbattimento e ricostruzione di alloggi di edilizia residenziale pubblica in via Giovanni Ansaldo, nel territorio della Municipalità 8. I primi 60 alloggi saranno pronti, secondo la stima della dirigente del Servizio Edilizia Residenziale pubblica Paola Cerotto, per l’aprile del 2023. L’annuncio oggi in commissione Urbanistica, presieduta da Massimo Pepe, che ha discusso degli interventi in corso per la costruzione di nuovi immobili in sostituzione dei vecchi prefabbricati del post terremoto. Un progetto datato 2006, poi rivisto e rifinanziato dopo lunghe e complesse vicende amministrative, ora quasi in dirittura d’arrivo, che sarà seguito da un secondo lotto di altri 60 alloggi. Al termine degli interventi, è prevista la mobilità dei residenti e la demolizione dei prefabbricati pesanti.

Soddisfazione

Nel dibattito il consigliere Rosario Andreozzi (Napoli Solidale Europa Verde) si è detto soddisfatto degli interventi, ma ha chiesto quanto prima l’istituzione di un tavolo tecnico con l’amministrazione sul tema della mobilità delle famiglie al termine degli interventi, utile a risolvere il problema delle volture e delle situazioni contrattuali incerte. Rosario Palumbo (Cambiamo!) ha chiesto chiarimenti sulla copertura finanziaria del progetto, sugli adeguamenti energetici che verranno realizzati nei nuovi alloggi e sulla possibilità che, in fase di realizzazione, si possano prevedere anche locali per attività commerciali e servizi. Si è detto molto soddisfatto di questo risultato il consigliere Claudio Cecere (Movimento 5 Stelle), che ha chiesto alla commissione ulteriori approfondimenti anche sulle altre progettualità di edilizia sostitutiva previste in Via Toscanella e a Marianella, dove sono molte le aspettative dei residenti su una ricollocazione adeguata.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*