PaP Ercolano-Torre del Greco: ribaltare il privato e ricostruire il pubblico

privato




Come principio rivoluzionario per ripartire.
Dare una dimensione di controllo, democratico; controllo popolare; civile; sociale
Fermare la logica del profitto, guerra alle grandi ricchezze e ai padroni e ai governi nazionali e sovranazionali che scaricano sulle spalle dei lavoratori; dei ceti popolari i costi della crisi; del conflitto Russia-Ucraina e di questi due anni di pandemia, scatenando così la guerra tra poveri, “l’ultimo contro il penultimo” e viceversa, degli aumenti spropositati dei beni indispensabile per la vita di tutti a fronte di salari e pensioni tra i più bassi d’Europa e fermi ormai da decenni
La sintesi della nostra assemblea pubblica di ieri, che ha visto la partecipazione, oltreché di Giorgio Cremaschi , Enrico Paris archivista e rappresentante di Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali ; Giovine Gianni per USB Unione Sindacale Di Base pag. nazionale ,nonché degli studenti Cambiare Rotta Napoli e del CSA (collettivo studentesco autorganizzato di Torre del Greco)

NON SI PUÒ AFFIDARE AL PRIVATO LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEI MEZZI NECESSARI ALLA VITA DI TUTTI, I BENI COMUNI!

Rimettere il pubblico laddove il pubblico non c’è più, a cominciare dalla #sanità, ormai tutta in mano ai privati, ai servizi ambientali ai beni e agli spazi culturali, il patrimonio pubblico e collettivo di tutti, l’acqua che in barba al referendum di undici anni fa che ha sancito la sua gestione interamente pubblica e invece in mano alla GORI, che appalta e subappalta i propri servizi a ditte private, scaricando i costi sull’utenza la quale si trova davanti a bollette e tariffe alle stelle e bassa qualità dei servizi e delle risorse idriche.

LE VITE DEI NOSTRI GIOVANI, STUDENTI E UNIVERSITARI NON SI APPALTANO!

No al primato del privato nelle scuole e nelle università, NO ALL’ALTERNANZA SCUOLA LAVORO E ALL’EDUCAZIONE ALLO SCHIAVISMO
Conoscenza, istruzione per controllare domani il funzionamento dei processi produttivi e dei contratti di lavoro, dei diritti sociali.
DA QUESTA INIZIATIVA LANCIAMO LA PROPOSTA DELLA CREAZIONE DI UN COMITATO PER LA DIFESA DEI BENI COMUNI E CONTRO LE PRIVATIZZAZIONI
Per porre un freno alla privatizzazione dilagante ormai da oltre trent’anni nei nostri territori a cominciare da quelli di Ercolano e Torre del Greco; dall’acqua pubblica; ai parcheggi; l’ambiente; beni culturali, come Villa Sora nella città corallina, per il controllo pubblico e la gestione pubblica dei servizi e la fruizione dei siti archeologici e culturali e spazi pubblici
Avanti così!


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*