Carotenuto, lettera aperta al questore di Napoli

debito

Egr. Sig. Questore,

 

all’indomani degli spari (12 colpi Calibro 9 come da nota di stampa) contro un’abitazione nel quartiere di Ponticelli, la comunità di donne e di uomini che ci vive avrebbe visto di buon grado un battito, una presenza, una affermazione che lasciasse immaginare una reazione investigativa. Insomma, si aspettava un’esistenza in vita delle forze dell’ordine.

Invece nulla, il silenzio, quella cosa che può uccidere più degli stessi colpi di pistola.


Questa volta, debbo notare, che nemmeno il civismo illuminato, la società civile organizzata, le scuole, quella miriade di associazioni pur presenti, le stesse istituzioni locali e cittadine, non hanno battuto ciglio. Non ho sentito neanche quelle parole di circostanza quali “abbiamo rappresentato agli organi competenti la gravità dell’accaduto” – “chiederemo un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica” – “abbiamo allertato il Questore di Napoli” – “reagiremo con una manifestazione di respiro cittadino”.

Niente di tutto ciò, solo e soltanto silenzio

Prima, si piazzano bombe sotto altre case, si controlla il territorio “a vista” da parte degli aggregati camorristici resistenti, limitando, di fatto, la libertà personale di chi abita da queste parti. L’assuefazione a tutto ciò mette nella testa delle giovani generazioni l’idea che non esiste un altro mondo, tutt’al più che questo è il male minore di un mondo possibile.

Purtroppo questi quartieri sono stati lasciati per troppo tempo soli, precipitando in quel “basso” da cui sembrerebbe quasi impossibile risollevarsi. Almeno non senza l’intervento di chi è preposto a dar loro indirizzi e tutele. Hanno disperso quel tessuto democratico permeato di attività positive, sono venuti meno i fondamentali caratteri distintivi di una comunità vigile, attenta ai risvolti sociali, capace di saper reagire alle negatività. L’assenza, oltre il silenzio, per molti anni del cosiddetto Stato, chiuso dentro le proprie mura, impaurito di uscire fuori per saper distinguere i buoni dai cattivi, ha fatto il resto.

Ma al di là di analisi sociologiche, pur necessarie dal punto di vista culturale, oggi esiste il problema della mancanza di reazione, della vigliaccheria di comportamenti individuali che rifuggono da prassi collettive influenti. Ma se neppure le forze dell’ordine riescono non dico ad essere determinanti, ma almeno visibili, riscontrabili in presenza, allora tutto si complica maledettamente.

Mancanza classe dirigente

Se a ciò si aggiunge la mancanza di una classe dirigente, amministrativa e politica, che faccia il suo dovere, forze sane che diventino agenti primari dell’educazione inculcando comportamenti sani e responsabili, rimane il deserto, ovvero “terre” non coltivabili.

Qui non esiste la cosiddetta “camorra imprenditrice”, perché non esistono più imprese. Persistono, invece, piccole e diffuse pratiche quotidiane di criminalità spicciola, stracciona, di prossimità. I grandi cartelli di camorra si contendono ben altri guadagni, non badano al pizzo, alla tangente, se non altro perché non esistono cantieri né attività commerciali in grado di poter “distrarre” denaro per questi.

Eppure si spara, queste forze illegali sentono l’esigenza di dispiegarsi sul territorio, di rendersi visibili, di “regolare” i conflitti sociali a modo loro. Appena qualche cittadino denuncia un accaduto alle forze dell’ordine, viene clamorosamente isolato, ritenuto pericoloso, da allontanare.

Questo silenzio che uccide non è più innocente, è macchiato di sangue alla stessa maniera di chi pratica questi gesti, è complice di chi agisce contro la legge. Perché permette di far allargare le pratiche criminali a svantaggio di tutte quelle forze legali, trasparenti e dotate di senso civico.

In attesa di speranze (disattese), progetti (mai attuati) e desideri (delusi), va garantita la vita, l’esistenza, una crescita civile. Il territorio, un tempo luogo di avanguardia sociale, deve ritornare ad essere sicuro, vivibile, dove si sviluppano relazioni positive, e si guardi al futuro non più come un orizzonte proibito, ma come una certezza da coltivare.

 

 

Napoli, 7 Giugno 2022                                                              Raffaele Carotenuto

scrittore e meridionalista

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*