Fiab Napoli, sos al comune per la giornata della bicicletta

bici

Oggi 3 Giugno giornata mondiale della bicicletta, FIAB (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) lancia una nuova campagna  “La BICI ridisegna il FUTURO”, direttamente ispirata al messaggio di ECF-European Cyclist’s Federation “How will the bicycle shape our future?”

Pedalare insieme

Il messaggio di Fiab per il 3 giugno intende quindi essere un esplicito invito a pedalare insieme verso un futuro più sicuro, più sano e più sostenibile «Il mondo sta cambiando e la dipendenza dai combustibili fossili sta causando enormi danni al pianeta, al clima globale, così come alla nostra pace e alla nostra sicurezza. Tutti, semplici cittadini e decisori politici, siamo chiamati a scelte consapevoli: la bicicletta è una soluzione climatica, energetica, sociale e urbanistica fondamentale, e come tale deve diventare una priorità – ha detto Alessandro Tursi, presidente FIAB».

Noi di Fiab Napoli Cicloverdi ci stiamo chiedendo come è possibile far diventare questo motto realtà vista la situazione disastrosa della ciclabilità napoletana.

Le  numerose segnalazioni che ci giungono da parte di chi la bicicletta la usa ogni giorno riferiscono  la totale mancanza di sicurezza, l’assenza di  manutenzione e segnaletica, di provvedimenti che limitino i flussi di traffico e la velocità di auto e motoveicoli, dell’invasione di rifiuti e di auto in sosta dei pochi tratti di ciclabili superstiti,  ci inducono a rispolverare un nostro vecchio slogan: NAPOLI NON E’ UNA CITTA’ PER CICLISTI.


 

Infatti come si fa a parlare di mobilità sostenibile a Napoli nel momento che

1) Risultano aperte le ZTL del centro;

2) La ciclabile del Lungomare in via Partenope è  in parte chiusa per consentire le sagre di turno senza che ci siano percorsi alternativi percorsa dalle auto e non dalle biciclette  né sono stati indicati percorsi alternativi nonostante l’altissimo incremento registrato dopo la pandemia;

3) La ciclabile di Corso Umberto, nonostante sia stata finanziata è stata realizzata solo come bike lane ed è quindi continuamente invasa da auto e motorini.

Visione autocentrica

Tutto ciò  a conferma di una visione autocentrica  che non difende le utenze deboli mentre  ci potrebbero essere cose da fare subito e  a costo zero che comporterebbero un netto miglioramento della qualità dell’aria e della congestione da traffico che attanagliano la nostra città-

Fiab Napoli Cicloverdi continua a chiedere  che vengano chiusi subito i varchi della ZTL Centro e Chiaia, sia ridotto lo spazio a disposizione dei bar e ristoranti in modo da restituire a pedoni e ciclisti lo spazio pubblico e infine venga programmato e attuato urgentemente un piano di manutenzione delle infrastrutture e della segnaletica

Sperando che gli argomenti  esposti siano fatti propri dall’amministrazione comunale e arrivino le risposte che pedoni e ciclisti attendono, si  porgono Cordiali saluti.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*