Granato: “Non è Kabul nè Mariupol. Questa è Napoli”

napoli




La testa sul cuscino e la mente che va a questa immagine. Non mi è mai sembrato comodo come stasera il mio letto.
Perché a pochi km da qui ci sono centinaia di barelle stipate come nel più disperato ospedale da campo. E non siamo a Mariupol, Kabul, Baghdad. Siamo a Napoli, la terza città dell’Italia del G7.
Il pensiero corre ai pazienti che lottano contro malattia e morte, ammassati come polli da batteria in quello che è il Pronto Soccorso del più grande ospedale del Sud Italia.
A infermieri, medici, OSS: scaraventati nello stesso girone dantesco, anche se con una divisa bianca addosso. Li chiamavano eroi. Poi i riflettori si sono spenti. E sono tornati a essere “stracci”.

Come si racconta a parole il terrore concreto e tangibile di un simile inferno?

Non lo so, ma ci provo: il pronto soccorso è arrivato ad avere fino a 170 pazienti allo stesso tempo. Perché la classe dirigente (di destra di centro e di sinistra) i pronto soccorso li ha chiusi uno dopo l’altro: oggi ne rimangono 5 e Napoli ha quasi un milione di abitanti.
Così 25 medici del Cardarelli hanno dato preavviso di dimissioni: in queste condizioni – sostengono – non si può lavorare. E non c’è alcuna emergenza. Siamo in tempi “normali”, tempi di pace.
Ma che significa “non poter più lavorare”? L’ho chiesto a un medico: “Quando ci sono più di 150 pazienti a volte nemmeno riesci a prenderli in carico. Con l’ammasso di barelle diventa difficile anche solo raggiungerli fisicamente. La qualità della cura? Devo spiegartelo davvero?”.
Prima del Covid-19 chi comanda ripeteva che non c’erano soldi per la sanità pubblica. Con la pandemia e poi col PNRR un po’ di soldi sono arrivati. Ma chi governa ha preferito spenderli per operazioni di propaganda, come quella degli ospedali modulari di Napoli, Salerno e Caserta, buoni per la rielezione di De Luca, molto meno per noi cittadini.

Classe dirigente responsabile

Per medici, infermieri, OSS – vittime di questo sistema così come noi cittadine e cittadini – anche stanotte non sarà una buonanotte.
I responsabili, invece, cioè quella classe dirigente – anche in ambito sanitario – che per decenni ha costruito le condizioni di questo disastro, stanotte dormiranno sereni come solo i senza coscienza sanno fare.
“Medicos, no bombas” – diceva un barbudo. L’esatto opposto di quanto si prepara a fare il Governo, pronto ad aumentare la spesa militare, anziché pensare al Cardarelli e ai bisogni di lavoratori e cittadini. “Bombas, no medicos”, sembra essere lo slogan di Draghi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*