Carotenuto: “Il Sud si difende con i fatti!”

debito

Il 25 Aprile di Sergio Mattarella si è tenuto ad Acerra. Un discorso tra retorica (come sempre) e falsa narrazione del Mezzogiorno. Il presidente della Repubblica sostiene che l’Italia dell’antifascismo è stata una sola, quindi bisogna recuperare il valore unitario della Resistenza.

Bene, ma queste sono tutte chiacchiere!

“La cultura vi farà liberi” sosteneva Mattarella, nel 2015, al Suor Orsola Benincasa, in una sala gremita di studenti vogliosi di futuro. Peccato che il 12° presidente della Repubblica, un palermitano, un uomo del profondo Sud, dal 2010 in poi non ha mosso un dito per abolire un decreto che ha “spaccato” in due l’Italia della cultura contemporanea.
Ebbene, nei Licei italiani, laddove i giovani cominciano a formare la coscienza, in quel luogo dove si lascia l’adolescenza e si va strutturando la personalità adulta, i maggiori poeti del Sud, le più autorevoli figure letterarie del novecento italiano ed europeo, vengono “aboliti” dalla conoscenza delle nuove generazioni del Nord.

Cancellati dai licei

Così Salvatore Quasimodo, premio Nobel della letteratura, Alfonso Gatto, Rocco Scotellaro, Rea, Bufalino, Sciascia, sono stati cancellati dai banchi dei licei per far posto ad “illustri sconosciuti” come Zanzotto, Caproni, Sereni, Luzi, Rebora.
La “costruzione” del profilo educativo e culturale dei liceali italiani non è corroborata dall’opera dei poeti nati sotto Roma. Una vera e propria cancellazione di un pezzo d’Italia dai banchi di scuola, affinché venga spezzata quell’unità a vantaggio di un altro pezzo dello stivale. Una “società della conoscenza” che esclude il Sud, lo “nasconde” alle nuove generazioni, lo relega ad “appendice” del Nord, a “vassallo” del settentrione, a “garzone” dell’Italia “in alto”.
Nemmeno il presidentissimo napoletano, nato sotto il Vesuvio, il potente Giorgio Napolitano, alzò un dito contro questa stortura voluta da una ministra nordista come Mariastella Gelmini, nel Governo Berlusconi IV°.
Stamane, ad ascoltare queste parole vuote e pregne di un frasario istituzionale banale e scontato, si notavano la ministra per il Sud, il presidente campano dei “lanciafiamme contro gli ultimi” e il sindaco metropolitano di Napoli.

Contro il Sud

Se le cariche istituzionali del Mezzogiorno girano la faccia dall’altra parte contro lo stesso Sud, allora va preso atto innanzitutto del “fuoco amico”, di chi dall’interno di queste terre non batte ciglio di fronte a vergognose prassi istituzionali che non avrebbero motivo di esistere.
Presidente Mattarella il Sud non ha bisogno di retorica, né di finte connessioni sentimentali con questo popolo.
Viva il 25 Aprile degli uomini e delle donne liberi!
Viva il Mezzogiorno contro chi (non) lo rappresenta!
Viva il Sud che prende di petto chi vuole imbrogliarlo!



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*