PaP Ercolano-Torre del Greco, al di là della propaganda di guerra: assemblea pubblica

guerra

La volontà degli Stati Uniti e dell’Unione Europea di includere l’Ucraina nella NATO, in funzione anti-russa, ha innescato la reazione della Russia, culminata in un intervento militare che costituisce un pericoloso precedente.

L’Unione Europea, colpevole quanto e più degli USA di questa situazione (essendo stata promotrice e sostenitrice dell’Euromaidan*, che ha portato i neonazisti ucraini praticamente al potere) invece di mediare tra le parti con la diplomazia, arma sempre di più gli ucraini, soffiando sul fuoco delle violenze, con la speranza di indebolire i russi in una guerra di logoramento.

La stampa europea bombarda con fake news a reti unificate mistificando la realtà, fingendo di dimenticare che in Ucraina dal 2014 è in atto un conflitto che vede l’esercito ucraino nei panni del carnefice e mettendo a tacere qualsiasi voce di dissenso come nelle peggiori dittature fasciste (vedi le vicende di Marc Innero e del Maestro Gergiev).

I popoli che vivono nell’Unione Europea sono stati catapultati dai propri governanti in una spirale di menzogne proprie della propaganda di guerra che sono culminate con le sanzioni alla Russia. Peccato che queste sanzioni, oltre che a non avere alcuna efficacia per fermare la guerra, fanno male ai lavoratori italiani ed alle loro famiglie dato che l’Italia è un forte importatore di gas dalla Russia. Questo innescherà una crisi energetica in vista della quale è già iniziata la cassa integrazione per molti lavoratori e presto inizieranno le chiusure di fabbriche in tutta Europa con ingenti perdite di posti di lavoro, per non parlare del costo della vita che aumenterà vertiginosamente anche per i beni di prima necessità.


 

NOI NON CI ARRUOLIAMO!

NON ACCETTEREMO MAI UNA POLITICA DI SACRIFICI E DI FAME ALLO SCOPO DI COMBATTERE UNA GUERRA CHE NON È LA NOSTRA MA CHE INTERESSA SOLO L’ESPANSIONISMO MILITARE DEGLI STATI UNITI E GLI AFFARI DEI BANCHIERI DI BRUXELLES E DI TUTTA EUROPA!

 

Potere al Popolo Torre del Greco-Ercolano si schiera per

1- un cessate il fuoco immediato ed un’accoglienza dei rifugiati a prescindere di quale sia la loro nazionalità.

2- una soluzione diplomatica e pacifica del conflitto.

3- lo stop alle forniture di armi all’Ucraina, il no alle sanzioni per la Russia, ed quindi NO all’economia di guerra che metterà alla fame i popoli d’Italia, d’Europa e di Russia.

4- il rispetto del Memorandum di Budapest ed un’Ucraina neutrale, indipendente e de-nuclearizzata.

5- lo scioglimento dei gruppi neonazisti ucraini e persecuzione degli autori degli omicidi di sindacalisti e giornalisti in Ucraina.

6- lo Stop della campagna militare ucraina contro le popolazioni di Lugansk e Donestk.

7- Ristabilire le libertà politiche in Ucraina consentendo anche ai comunisti di partecipare alle elezioni.

8- la libertà di informazione, di opinione e di parola in Italia: garantendo ai giornalisti imparziali ed a chiunque di poter professare le proprie idee senza paura di ritorsioni e licenziamenti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*