Brambilla: “Pacco, doppio pacco e contropaccotto”

napoli

Sono incazzato nero.
Ma come è possibile che nessuno, dico nessuno, in Consiglio Comunale si sia alzato e abbia detto al governo dei migliori, all’amministrazione dei migliori, al drago grisù pensaci tu, che stavano raccontando un mare di barzellette?
Ma davvero hanno il coraggio di chiamarlo patto per Napoli? Ma è un mega pacco!

Cerchiamo di capire come stanno le cose

Io Stato, dopo aver salvato per almeno 3-4 volte le precedenti amministrazioni, dopo aver bloccato l’organo che avrebbe dovuto fermare uno scempio amministrativo pagato dai cittadini, ovvero la Corte dei Conti, con norme palesemente anticostituzionali, dopo avere erogato miliardi e miliardi di anticipi liquidità, indebitando ancora di più quell’ente, cosa fa? Continua a dare soldi, a bloccare la Corte dei Conti, lascia al loro posto amministratori e dirigenti che hanno provocato tutto questo, chiede “riforme” come nel caso dell’Europa! Ah le belle riforme dell’Europa, lo ha chiesto l’Europa!!! certo, facciamo come la Grecia, tanto nessuno ha capito cosa sta succedendo…
E chi paga questi soldini che arrivano da Roma, molti, molti di meno di quelli arrivati dal 2013 ad oggi, tra fondo rotazione, anticipi liquidità ecc.?
in primis i Napoletani, con aumento Irpef e aumento soglia di esenzione da 8.000 a 12.000 euro, alla quale in aula ci eravamo opposti come portavoce.
Poi sempre i napoletani con aumento canoni locazione e concessione.
Poi chi verrà a Napoli da qui al 2042 con tassa aeroportuale.
Insomma E IO PAGO!!
Poi mi vendono anche qualche immobile, qualcuno lo diamo “a garanzia” non si sa mai che non riusciamo a ripagare, così, per lo “scomodo”…
Non una parola sulle cause delle decine di milioni di euro all’anno di debiti fuori bilancio, che ovviamente resteranno a futura memoria dell’incapacità amministrativa duratura.
Non una parola sul flusso negativo dei derivati che dobbiamo pagare nei prossimi decenni, con rate annuali di decine di milioni di euro, che porteranno tagli inevitabili ai servizi.
Non una parola sull’incapacità di spesa di ogni settore dell’amministrazione comunale.
C’è scritto solo che verranno assunte 100 persone a tempo determinato per riscossione tributi e alienazione patrimonio.
Davvero un pacco ben confezionato, con tanto fumo negli occhi, tanto nessuno ha capito nulla, tutti ad applaudire, senatori, sottosegretari, viceministri, deputati, alte cariche dello stato, pronti alla corsa ad accaparrarsi la paternità dell’atto.

Complimenti! Volete l’applauso?

Per quanto mi riguarda saranno solo lacrime e sangue per altri anni, con gli stessi attori protagonisti reinventatisi in altri ruoli, ma sempre presenti.
I veri poteri napoletani sono pronti a ricevere una mole ingente di fondi, che serviranno, insieme al PNRR, a continuare a foraggiare i vecchi progetti decennali, che hanno bisogno di nuova linfa per andare avanti altri decenni per essere completati.
In confronto gli egizi con le loro piramidi ci fanno un pernacchio!
Seguirò l’evolversi del pacco per Napoli, che si andrà svelando poco a poco…
Ovviamente si sono portati avanti e hanno scritto che qualora il Comune non riuscisse a ottemperare agli impegni potrà riformulare il piano annuale: una frase già sentita in questi 10 anni di riformulazioni del piano di rientro, sempre disatteso.
Qualcuno poi ha scritto che nel caso ci fossero più cartellini gialli, e si arrivasse al cartellino rosso, verrà bloccata l’erogazione da parte dello Stato: anche qui già sentita più volte, con la Corte dei Conti bloccata sempre al momento di estrarre il cartellino rosso.
Stiano tranquilli i creditori, la percentuale va dal 40% all’80% del credito, cosa volete di più dalla vita?
Prendo 100 e pago 40, io Comune sono troppo figo!
per il momento la chiudo qui,
Non mi aspetto da nessun consigliere una presa di posizione nel merito del pacco per Napoli, quindi prossimamente torneremo sulla vicenda.
Voster semper voster



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*