Ciarambino: “I dati Istat non mentono e devono preoccuparci”

ciarambino

La città di Napoli in un anno ha perso oltre 26mila residenti. E’ come se gli abitanti di un intero comune, popoloso come Pompei o Bacoli, avessero deciso di abbandonare le proprie case per andare a vivere altrove. Al 31 dicembre 2020 gli abitanti di Napoli erano poco più di 900mila, il dato più basso dalla fine della seconda guerra mondiale.
Se consideriamo l’intera Campania, i numeri sono ugualmente impressionanti: abbiamo perso quasi 100mila abitanti.
È anche da questa enorme criticità che nasce la mia proposta di legge “Torno in Campania”. Un provvedimento che prevede incentivi economici per favorire il rientro dei nostri talenti dall’estero o da altre parti d’Italia. I giovani qualificati della nostra regione hanno il diritto di trovare qui, e non altrove, le opportunità che purtroppo ancora mancano.

Proposta di legge

La proposta di legge punta anche a favorire l’export del Made in Campania nel mondo e ad attrarre qui maggiori investimenti, con la collaborazione degli imprenditori di origine campana che risiedono all’estero, oltre che a sviluppare il cosiddetto Turismo delle Radici, consentendo ai discendenti dei campani all’estero di conoscere la loro terra e di far crescere l’indotto turistico in tante aree della Campania oggi escluse.
Arrestare quest’emorragia di futuro per i nostri territori deve essere una priorità assoluta per chi ha responsabilità e possibilità di intervenire. Se la politica si impegnasse in maniera compatta in questa direzione, la Campania da terra di abbandono potrebbe diventare finalmente una terra in cui voler fare ritorno.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*