ISIS Elena di Savoia di Napoli: professioniste, imprenditrici, giornaliste semplicemente donne che incontrano altrettante giovani donne

napoli

Professioniste, imprenditrici, giornaliste semplicemente donne che incontrano altrettante giovani donne.  L’evento organizzato per l’8 marzo dall’ISIS Elena di Savoia di Napoli dalla dirigente scolastica Daniela Oliviero in collaborazione con parte del corpo docente (tra questi la vicepreside Donatella Ercolini e le professoresse Mariella Teti e Rosaria Pasqua)  è l’occasione per narrare le grandi figure femminili del passato, per confrontarsi, per raccontare storie di donne che sono andate oltre l’ostacolo, per trasmettere esempi positivi a tutti i ragazzi che vedono il loro futuro in questo momento offuscato anche dai due anni di pandemia da Covid-19 e dal conflitto tra Russia e Ucraina.

Educandato femminile

L’istituto che nel ‘900 nasceva come educandato femminile per imparare i servizi domestici per diventare poi ‘Perito aziendale e corrispondente in lingue estere’ e infine oggi un istituto alberghiero.  I settori di studio sono tre: enogastronomia, sala & vendita e accoglienza turistica. Per giovani più pratici che teorici, che possono scegliere qualunque facoltà e che sognano di essere food & beverage manager, maitre d’hotel, direttore d’albergo o in ogni caso manager del settore turistico.

I media trasmettono oggi dei modelli rappresentativi, da Cannavacciuolo a Cracco, da Vissani a Don Alfonso ma il Professor Rosario Campochiaro, docente di Enogastronomia, ci tiene a dire qualcosa di interessante: “La figura professionale del cuoco negli anni è sempre stata vista come una figura prettamente maschile. Negli ultimi 20 ANNI, si è praticamente assistito ad una rivalutazione di questa figura, sono nate infatti varie associazioni di categorie, che prendono il nome di ‘Lady Chef’, perché oggigiorno anche le donne sono a capo di Brigate Stellate di enogastronomia e a livello nazionale. Parliamo di donne non ai fornelli casalinghi, ma fornelli professionali come quelle di grandi strutture alberghiere, villaggi o addirittura navi da crociera”.

Vari gli interventi degli ospiti

Valeria Grasso, giornalista sportiva, professione (praticata nei tempi passati solo da uomini) fortissimamente voluta dai tempi dell’adolescenza, nata dal grande amore per il calcio, perfezionata da un percorso formativo e da anni di esperienza. “Il cammino professionale di ognuno di noi può essere minato da impedimenti, che possono nascere anche contro la nostra volontà sia se siamo donne ma ciò può valere anche per gli uomini. Ritengo che la motivazione e la formazione possano far volare, indipendentemente da questo, molto in alto”. Una carriera parallela ad un percorso aziendale che dopo la Laurea in Economia e Commercio l’hanno portata oggi a far parte dell’ufficio stampa e a curare lo sponsoring della Città della Scienza di Napoli. “Essere giornalisti è una vocazione e una prerogativa che sussiste sempre nella propria indole. A Città della Scienza curiamo quotidianamente temi attuali quali la sostenibilità, l’innovazione, la medicina, ma anche aspetti fondamentali della società quali la parità di genere e l’integrazione”.   E ancora: sono intervenute Anna Celentano, ex alunna, diplomata lo scorso giugno che anche con un bar di famiglia ha portato avanti il suo desiderio di aprire un’attività sottoponendo il suo progetto di Aperi-Sushi ad Invitalia per il finanziamento (è stato approvato) e infine Martina Ruggiero, maturanda, che sogna di aprire una tavola calda per tenere uniti i valori della famiglia.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*