Il Comune di Napoli in campo per l’emergenza ucraina

Questa mattina si è tenuta in Prefettura una riunione con il Prefetto Palomba, il Sindaco Manfredi e l’Assessore alle Politiche Sociali Luca Trapanese, i consoli dell’Ucraina, la Croce Rossa Italiana, la Caritas per attivare l’accoglienza dei profughi ucraini.

Il Comune di Napoli con l’Assessorato alle Politiche Sociali coordinerà l’accoglienza che sarà così strutturata

Il primo step prevede, in accordo con la Regione Campania, il trasferimento presso l’albergo COVID (168 posti) dove saranno effettuati screening completi sia per escludere contagi che per gestirli e per verificare la situazione sanitaria generale degli ospiti; successivamente i profughi saranno dislocati in diverse strutture come ad esempio la struttura comunale di Marechiaro (55 posti) e i CAS di Napoli (40 posti), Benevento (30 posti), Salerno (31 posti), Caserta (50 posti), Avellino (30 posti) ai quali si aggiungono la disponibilità della Croce Rossa per 25 posti, e altre realtà più piccole (altre se ne stanno aggiungendo man mano) quali Casa di Tonia e Fondazione Massimo Leone e tanti privati.

E’ on line, tra l’altro, sul sito istituzionale del Comune di Napoli, un form utile per accogliere la disponibilità che copiosa sta arrivando da parte di associazioni, residenti e professionisti a fornire aiuti concreti alla popolazione ucraina in difficoltà (https://www.comune.napoli.it/aiuto-ucraina). Per aiutare famiglie, donne, bambini e persone in pericolo in fuga dall’Ucraina si potranno mettere a disposizione alloggi privati, strutture alberghiere e extra alberghiere, posti in comunità, stanze in conventi, contribuire alla raccolta di farmaci, offrirsi come traduttori/mediatori culturali, supporto psicologico.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*