PaP, report riunione dell’assemblea territoriale di Ercolano-Torre del Greco

ercolano

Si è tenuta l’assemblea pubblica di Potere al Popolo Ercolano-Torre del Greco riservata agli iscritti dell’assemblea territoriale.

Entusiasmo, confronto e proposte hanno animato le numerose persone accorse.

Un successo di partecipazione che pone non solo le basi per nuovi incontri ma che rappresenta una linfa vitale per portare avanti le battaglie di PaP nelle aree vesuviane coinvolte.

 


Dramma scuola-lavoro

 

“E’ stata, dice l’attivista Teodoro Scardamaglio, una bella assemblea che ha visto la partecipazioni di tanti giovani, dall’età scolastica fino a quella universitaria. Subito è emerso il dramma dell’alternanza scuola-lavoro. Le recenti morti sono inaccettabili in un paese civile e sono la cruda testimonianza del fallimento di uno strumento contro il quale ci siamo sempre opposti. La scuola oggi al pensiero critico preferisce la creazione di giovani lavoratori subordinati allo sfruttamento e a quella che non è impropria definire schiavitù. Da luogo di istruzione e sapere la scuola si è trasformata in luogo di morte. Si punta ad inculcare la cultura della competizione e del profitto ma si dimentica di educare alla civiltà ed alla sapienza. D’altronde è più facile soggiogare un cittadino ignorante e con una mente chiusa rispetto ad uno critico e colto. Sara e Lucia, poi, hanno evidenziato la mancanza di trasporti pubblici e di agevolazioni all’accesso al mondo della cultura. In una società liberista anche la cultura diventa una merce soggetta alle leggi di mercato. A tutto questo noi urliamo no!”.

 

Stato sociale assente

“Clara, poi, ha posto l’accento sull’assenza dello stato nel garantire i servizi minimi essenziali. Lo stato da un lato taglia la sanità dall’altro aumenta le spese militari. La cronica assenza degli asili nido così l’aumento delle tariffe degli inesistenti servizi pubblici locali è frutto di questa scellerata visione Questo non fa altro che allargare la forbice tra chi è povero e ricco. Ciro ha sottolineato che le risorse del PNRR andranno ad una stretta cerchia che vede escluse la fasce deboli e povere. Sulle municipalizzate, infine, si è constatato che queste non solo non hanno migliorati i servizi ma ne hanno aumentato le tariffe. Insomma è stato un bel momento di confronto politico grazie anche al bel confronto generazionale tra i partecipanti”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*