Napoli, in Commissione le categorie dei tassisti

napoli

I problemi della categoria dei tassisti sono stati trattati oggi in Commissione Mobilità. Un servizio essenziale – ha osservato il Presidente Nino Simeone – per il quale va risolto il ritardo sui buoni-viaggio ed affrontato il tema, in una prossima riunione con l’assessore Cosenza, di agevolare i tassisti che vogliono dotarsi di “pos”. Non si tratta di un obbligo ma va valutato il sostegno che il Comune può dare per incentivare questa forma di pagamento elettronico sempre più diffusa.

All’incontro con la commissione e con l’assessore al Welfare Luca Trapanese sono intervenute le sigle rappresentative degli oltre 2.300 tassisti napoletani: SITAN/ATN, FEDERTAXI, UNICATAX, URITAXI, ORSATAXI, SILT, UGL, Unione Tassisti d’Italia. UNIMPRESA/MOBILITÀ.

Fine emergenza

La prossima fine dell’emergenza al 31 marzo – hanno evidenziato – mette a rischio l’attuazione dei buoni-viaggio previsti dal decreto Ristori 2020 per particolari categorie di utenti come donne in gravidanza e soggetti con difficoltà di deambulazione. La misura era stata prevista da una delibera della precedente Giunta senza che seguissero atti concreti ma – ha confermato l’assessore al Welfare Luca Trapanese – si è entrati adesso nella fase operativa ed è stata approvata la delibera per l’acquisto del sistema di gestione del servizio cui seguirà la formazione per i tassisti sull’uso della “app”. La preoccupazione per i tempi ristretti c’è, ed è stato chiesto al Ministero delle Infrastrutture di prorogare la misura oltre la sua scadenza, mentre in molte altre città la procedura del bonus-viaggi è stata molto semplificata. Non ha senso perdere oltre 4 milioni di euro, ha denunciato il consigliere Luigi Carbone (Napoli Solidale Europa Verde) mentre è l’insieme delle misure della mobilità sostenibile che bisogna portare avanti, secondo il consigliere Claudio Cecere (Misto), in considerazione del fatto che queste non sono in contrapposizione con il trasporto pubblico. Reclamata infine dai tassisti videosorveglianza sulle corsie preferenziali e contrasto all’abusivismo dilagante e misure incisive da adottare sui fronti del caro-assicurazioni e sul “decreto concorrenza”.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*