Clemente: “Torniamo a contare morti tra le strade. Non servono patti e pugno duro. Servono lavoro e politiche sociali”

tribunali

Torniamo a contare morti tra le strade. Non servono patti e pugno duro. Serve lavoro e politiche sociali.
Come accade troppo spesso da diverse settimane a questa parte, torniamo a contare i morti ammazzati tra le strade della città. Questa volta l’agguato è avvenuto in pieno giorno, alla luce del sole, senza paura.

Non basta firmare…

Alle istituzioni non basta firmare qualche documento per garantire la sicurezza dei cittadini e un’alternativa a chi oggi sceglie una vita che porta solo morte.
L’aumento spaventoso degli omicidi in tutto il territorio cittadino è ormai un realtà allarmante, c’è sì bisogno di un’azione più decisa delle Forze dell’Ordine, ma anche di mettere subito in atto politiche sociali per giovani e soggetti a rischio, per estirpare dai territori la criminalità.
Il pugno duro non basta: senza un’azione politica che garantisca più lavoro e benessere sociale o saremo destinati a piangere ancora a lungo i figli di questa città.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*