Brambilla: “Quando la seconda carica dello Stato si presta a un fallimento di queste proporzioni…”

brambilla




Così Matteo Brambilla sulla sua pagina Facebook:

Quando la seconda carica dello Stato si presta a un fallimento politico istituzionale di queste proporzioni, partecipando allo spoglio dei propri voti, questo vuole dire alcune cose semplici:
1) questa persona si dovrebbe immediatamente dimettere dalla carica, in quanto non super partes, e palesemente senza la fiducia dei parlamentari, nemmeno di quelli del suo schieramento di appartenenza
2) se quelli che sostenevano di “avere i numeri” e che fosse quasi un obbligo esprimere un candidato di centro destra, riescono ad esprimere come candidata unitaria di tutti i grandi elettori del centro destra la seconda carica dello stato, e questa viene bruciata in un nanosecondo. vuole dire che da quelle parti non tira certo una buona aria di unità di intenti, e qualche riflessione la dovrebbero fare

Intero centro destra

3) tra un mojito e l’altro il prode Salvini riesce in un colpo solo a far fare una sesquipedale figura di merda politica all’intero centro destra, a bruciare la seconda carica dello Stato, e con la coda tra le gambe a dover sottostare alle decisioni di altri, sperando di salvare quel poco di faccia che gli rimane
4) queste elezioni e i giochi partitici ai quali stiamo assistendo in piena crisi economica, con una possibile guerra alle porte dell’europa, danno lo spessore dei “rappresentanti” dei cittadini che siedono indegnamente su quegli scranni sacri. Anteporre i propri interessi di bottega e di salvaguardia di posti di potere all’elezione della migliore figura espressione di una democrazia con una delle costituzioni migliori del mondo, qualifica per sempre queste persone
5) dopo anni e anni non si sono mai parlati prima per decidere quale fosse il migliore da votare tutti, indipendentemente dall’appartenenza politica? Chi fa il contrario è figlio di quella politica con la p minuscola che fa si che sempre più persone si allontanino dal voto democratico e dalla partecipazione attiva.

E di questo ringraziamo tutto l’arco costituzionale, neo statisti compresi

Per me chi sta proponendo nomi di spessore dalla prima votazione, con una scelta ponderata e certi che quel nome possa essere garante della costituzione e dei suoi principi, ha tutta la mia stima e il mio appoggio: io ho contribuito a farli eleggere e sono i miei degni portavoce, anche se magari non sono più nel movimento nel quale sono stati eletti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*