Granato, PaP: “In questo annuncio di lavoro c’è il peggio dell’Italia in cui viviamo”

mugnano




In questo annuncio di lavoro c’è il peggio dell’Italia in cui viviamo.
1. SESSISMO. Si richiede “invio di una foto a figura intera in costume da bagno o similare”. Per una receptionist? E perché non imporre anche lo ius primae noctis?

Discriminazione

2. DISCRIMINAZIONE. Negli annunci non si può discriminare sulla base del sesso o dell’età, come invece avviene platealmente in questo caso. Basta dare un occhio all’art. 10 del Decreto Legislativo 10 settembre 2003 n. 276.
3. SALARI DA FAME. perché non indicare il CCNL di riferimento? Come si fa a stabilire a priori il netto, visto che non si conosce la situazione della futura dipendente (se ha figli a carico, per dirne una)? Forse perché si offre un lavoro “a nero”? E comunque da contratto nazionale la paga è ovviamente ben più alta, anche per un part-time, basta andarsi a controllare le tabelle retributive del CCNL Turismo.

La verità è che non sono i giovani che non hanno voglia di lavorare

E il disincentivo al lavoro non è il #redditodicittadinanza.
A far passare la voglia è il Medioevo dei diritti e dei salari imposto da troppe imprese nel nostro Paese.
È questo che deve cambiare, non il RdC.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*