Brambilla: “C’era una volta un movimento politico che da solo era arrivato a più del 30% dei consensi”

napoli

Questo movimento era formato da “portavoce”, cittadini prestati alle istituzioni.
Questo movimento, quando si doveva votare il Presidente della Repubblica, o quando si doveva decidere cose importanti, come entrare in un governo, faceva esprimere i cittadini, ovvero quella forza dirompente che aveva portato nelle istituzioni i portavoce di cui sopra.

Inutile coinvolgere i cittadini

Poi i portavoce si sono trasformati in senatori, deputati, onorevoli, ministri, presidenti, e hanno pensato che fosse inutile coinvolgere i cittadini, perchè tanto non erano più i portavoce, ma appunto deputati e senatori che prendono decisioni da soli, o al massimo in pseudo riunioni di partito, di gruppo, dove un “capo” detta la linea.
E quindi i novelli marchesi del grillo non si sognano nemmeno lontanamente di chiedere ai cittadini, alla plebe, di esprimere un nome che vorrebbero come Presidente della Repubblica, garante della Costituzione.
Allora via agli incontri al bar o nelle segrete stanze, a porte chiuse (“chiudiamoci in una stanza ad oltranza” dice infatti uno dei capi di un altro partito, ma tanto basta a seguirlo come il pifferaio magico…), allora via alla “tattica politica”, allora via ai ragionamenti da fini politici, da statisti.
E certo,. mica si deve eleggere il Presidente della Repubblica, si deve votare qualcuno che garantisca la fine legislatura…

Come siete caduti in basso

Ancora più imbarazzanti sono “gli attivisti storici” che con giri pindarici di parole vuote cercano di difendere l’indifendibile; ma un poco di dignità no?
Non c’è più nulla, da tanto tempo, di quello che ha portato quel movimento politico ad essere una novità nel panorama politico italiano; è rimasta solo la triste controfigura, con deputati e senatori che all’unisono postano foto con l’emozione di dover votare il Presidente della Repubblica, ma nessuno che scriva, per esempio, di provare disgusto per quei marchesi del grillo che pensando di essere simpatici e di strappare una riga sui giornali o due secondi in televisione, hanno votato per personaggi dello spettacolo, della tv, o altro.
Per essere “Portavoce” si deve esserlo dentro, e diventarlo con anni di sacrifici e credibilità, per essere Marchesi del Grillo si deve essere predisposti e ci si diventa in 5 minuti.
I cittadini saprebbero chi votare come Presidente della Repubblica, senza “chiudersi in una stanza”-
Mettetevi vergogna fino alla fine della legislatura, che spero sia l’ultima per la quasi totalità dei neo statisti.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*