Coccia: “Abbiamo fallito, cerchiamo di non farlo più”

napoli




Sui clochard abbiamo fallito. Sono circa 2000 e sono nella strada, al freddo e al gelo. L’assessorato alle politiche sociali li vuole sgomberare dalla galleria e vuole impedire che le associazioni umanitarie gli portino del cibo. Io credo che innanzitutto non dobbiamo permettere che queste persone muoiano di fame e di freddo, ma a questo punto va fatto un piano perché si possa essere ricoverati ed accuditi nei luoghi liberi della città.

Ci sono immobili liberi?

Che le politiche sociali li individuino, li ripuliscano. Ma soprattutto vanno ascoltate le loro storie. Mi capitò qualche anno fa di accudire un uomo che stava a Via Toledo: era un anziano, che tra l’altro aveva anche una discreta pensione e un amministratore di sostegno, ma aveva perso la carta di identità e non poteva riscuoterla. Una serie di telefonate permisero di sapere la sua residenza e il nome del giudice tutelare, poi dopo una breve degenza a Colli Amici fu riportato a Rapallo, da dove veniva.1800 clochard non sono un esercito. Si dia l’incarico ai servizi sociali e ai vigili di parlare con loro. Spesso è la burocrazia che li rende invisibili. Un progetto per farli uscire dalla invisibilita può essere fatto…


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*