Napoli, ,Muscarà: “Bene ha fatto chi tra i giornalisti presenti ha evidenziato lo scempio dell’iniziativa”

napoli




Condivido pienamente l’articolo di Antonio Musella ci dovrebbe essere un limite invalicabile fatto di rispetto e di decenza .
“Sotto la Galleria Umberto I l’Assessore alla Sicurezza De Iesu si comporta come dentro ad una retata di polizia per sgomberare i senza fissa dimora. E’ un ex Questore, dovete capirlo, la giunta dei “migliori” della città gli ha dato questo compito. Quello è il livello. Ma la cosa incredibile è che con lui c’era l’Assessore alle Politiche Sociali, Trapanese, del Movimento 5 Stelle. Uno che porta le telecamere al seguito (bene ha fatto chi tra i giornalisti presenti ha evidenziato lo scempio dell’iniziativa) sveglia i senza fissa dimora dai cartoni e dai ripari di fortuna e li gli fa trovare gli obiettivi di fotografi e telecamere in faccia.

Uno che dovrebbe conoscere cos’è la povertà, l’indigenza, la sofferenza

Lo stesso che il giorno dopo ha ammesso di non essere mai stato in un campo Rom (ed è l’assessore che dovrebbe occuparsene).
Non si discute la necessità di trovare soluzione ad un situazione di disagio, sporcizia e degrado che si presenta in Galleria Umberto I. Se vogliamo non si discute nemmeno l’operazione in sè. Ma a monte dovrebbe esserci il tema di 3000 (avete letto bene tremila) persone che ogni giorno a Napoli dormono in strada.
Ancora di più dovrebbe esserci la sensibilità di capire che puntare gli obiettivi su dei poveri cristi che dormono nei cartoni non rientra in nessuno dei suoi compiti, a differenza del tema di aumentare i posti letto in città per i senza fissa dimora, e potenziare le politiche di contrasto alla povertà.
Quella roba lì rientra solo nella categoria della vergogna, del bullismo, dell’arroganza. La forma, in politica, molte volte è sostanza. E sostanzialmente avete fatto una schifezza.”


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*