Clemente: “Napoli vive anche oggi non poche crisi”

soccavo




Sono positiva di mio, ma a dirlo è anche il #tampone fatto e per questo partecipo alla seduta odierna del #consigliocomunale da #remoto.
Di seguito il mio #art37 ovvero lo spazio che ai consiglieri da regolamento viene dato in apertura dei lavori dell’aula. (ps: sto bene, pochi sintomi.. )
Art.37
Ci sarà tempo nell’arco della giornata per parlare di quello che è il tema centrale del Consiglio comunale di oggi e cioè il #PattoperNapoli, le conseguenze di quello che ci riguarda come Comune di Napoli derivate dalla legge di bilancio.

C’è una questione che mi piacerebbe sollevare e riguarda la #gestione del #quotidiano della città, la sua amministrazione

Napoli vive anche oggi non poche crisi. Ci sono i #rifiuti, di cui già ci siamo interessati nell’ultimo Consiglio comunale lo scorso dicembre, è passato un mese e la situazione è addirittura peggiorata. C’è la tragedia del #cimitero di #Poggioreale, dove ancora oggi dopo settimane non sappiamo se i familiari dei defunti che riposavano nella zona interessata dal crollo potranno mai più portare un fiore sulla lapide di un proprio caro e devo dire che troppe poche parole sono state spese su questa questione.
C’è una recrudescenza dei #fenomenicriminali, penso a #Fuorigrotta, di violenza che sta venendo fuori in maniera forse disattesa ma non per questo meno grave e potrei continuare, le anomalie le conosciamo tutti bene.
E conosciamo bene anche le giustificazioni, che pure esistono e sono motivate: per la spazzatura c’è il Covid che lascia a casa tanti lavoratori, non ci sono i fondi, i mezzi sono pochi ecc.
Sui dipendenti in malattia e su quanto influiscono sul buon andamento dei servizi pubblici la scorsa amministrazione ha subito attacchi violentissimi, penso al caso della funicolare. Vorrei ricordare a tutti che il Covid esiste da quasi 2 anni ma io scene del genere per strada non le vedevo dai tempi dell’ultima emergenza rifiuti, oltre 10 anni fa.
Il cimitero di Poggioreale adesso è stato posto sotto sequestro dalla Procura e ci vorrà tempo perché si accertino le cause del crollo e perché si possa partire con i lavori adatti. Negli scorsi mesi c’è stata un’altra struttura a Napoli sequestrata dalla Procura per un crollo e si è speculato per mesi sui presunti ritardi da parte del Comune, proprio per questo vigileremo e saremo attenti all’iter della rmessa in sicurezza, ma senza fare teatrini solo per accattivarsi un po’ di attenzione e di consenso.
Leggevo addirittura che ci vorranno 6 mesi per vedere attivo il primo #treno della #metropolitana, a causa dei tempi tecnici richiesti dal Ministero per i collaudi. Ricordo pochissimi mesi fa levate di scudi contro i vagoni chiusi in deposito, filippiche contro la precedente amminsitrazione, oggi tutto tace, l’Aula sospira e accetta di buon grado le direttive che vengono da Roma.
Dico questo per dire che chi si aspettava un cambio di passo nei primi 100 giorni è un ingenuo e non ha mai amministrato la città, piuttosto è bravo a fare campagna elettorale, a fare proclami.
La città non si cambia in 100 giorni, anche se ovviamente per i piccoli cambiamenti che ci aspettavamo di vedere e che invece non abbiamo ancora visto siamo gravemente insoddisfatti.
E lei stesso sindaco Manfredi in campagna elettorale diceva, consapevole che non si potessero fare miracoli in poco più di 3 mesi, che l’obiettivo dei primi #100giorni sarebbe stato far ripartire la macchina amministrativa. Basta andare su Google e si trovano i titoli dei giornali, delle agenzie ecc.
Bene, su questo, sulla ripartenza della macchina amministrativa un appunto deve essere fatto.
Viene denunciato dai consiglieri municipali un gravissimo #ritardo nell’avvio dei lavori delle #giunte delle #municipalità. A quasi 4 mesi dalle elezioni non sono ancora stati nominati gli assessori delle municipalità, per quelli che sembrano essere problemi sulla spartizione delle poltrone, che tengono immobili i lavori dei quartieri.
Questo è inaccettabile e molto grave.
Come è possibile fare le cose, le più minime, senza una struttura decisionale operativa? 4 mesi per nominare gli assessori sono 4 mesi persi, bruciati, di nulla di fatto.
Chiedo con forza che venga messa in atto immediatamente una soluzione per questa impasse che soffoca le vite dei napoletani.
Questa è la dimostrazione plastica che al momento ci sono solo tante parole e nulla di fatto. Stento a ricordare un solo provvedimento importante portato a casa in questi mesi.
Bisogna amministrare la città veramente. Non ci aspettiamo che Napoli venga rivoluzionata in 100 giorni, non siamo ipocriti, ma che si possa scorgere qualcosa che dia il via a questo cambiamento, qualcosa che oggi pur sforzandoci non riusciamo a vedere, quello sì.

Andando verso le conclusioni: oggi è notizia di stampa: #ZES, ZERO EURO A NAPOLI

136 milioni di euro per gli investimenti complessivi targati #Pnrr nelle Zone Economiche Speciali sono stati stanziati per la Campania. Soldi da spendere per assicurare un adeguato sviluppo dei collegamenti delle aree ZES con la rete nazionale dei trasporti.
Di questi, #32milioni vanno al porto di #Salerno e 0, dico #zerospaccato, a #Napoli. Decreto firmato dal ministro Enrico Giovannini e dalla ministra Mara Carfagna, salernitana come De Luca.
Se hanno deciso che Napoli deve morire, lo dicano chiaro e tondo.
Per evitare tali sciagure e docce fredde, all’improvviso, chiedo al Sindaco un’informativa urgente su questo tema ed un intervento diretto.
Inoltre si ritiene necessario un consiglio monotematico su #pnrr in quanto occorre sapere chi oggi sta facendo le progettazioni ed in che modo.
Dati gli organici al collasso occorre sapere chi sta progettando, quali progetti ed in base a quali eventuali procedure.
Non consentiremo sul futuro della nostra città docce fredde e assenza di partecipazione della città.
#Ringrazio sentitamente il personale di supporto del Consiglio Comunale e la #Presidenza che ha reso possibile la connessione e la partecipazione da remoto mia e dei colleghi come me nella stessa condizione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*