Capretti, PaP: “Pacco in arrivo per Napoli”

fico

Quello che abbiamo denunciato ieri in conferenza stampa è il vero e proprio PACCO in arrivo per Napoli.
Manfredi aveva chiesto e praticamente dato per scontato per tutta la campagna elettorale che con la sua elezione sarebbero arrivati “250 milioni all’anno”.

Draghi

Ma Draghi di austerità se ne intende e, preso in mano il fascicolo, ha portato l’accordo finale a 1,2/1,3 miliardi in 21 anni (dal 2022 al 2042) cioè all’incirca 70 milioni all’anno. Praticamente considerando che Napoli con i tagli ai trasferimenti del governo Monti ne perde circa 100, di milioni all’anno, potremmo dire che così ne perde giusto una 30ina. Difficile pensare che si cambi volto alla città con questi finanziamenti.
Il punto però non è solo che alla fine questo patto è stato un pacco rispetto alla quantità di danari in arrivo, ma che le condizioni poste in ogni caso per l’arrivo di questi soldi sono complesse (dall’aumento della riscossione alla svendita del patrimonio immobiliare e la riconfigurazione delle partecipate) e vengono portate avanti senza nessuna rassicurazione sulla tutela delle classi popolari che già stanno subendo una crisi economica gravissima.

Nessun confronto

Non solo, i signori della giunta Manfredi non si sprecano a confrontarsi con nessuno ma si sono chiusi nelle stanze segrete del palazzo senza coinvolgere le parti sociali, i movimenti, i comitati, la cittadinanza.
Sembra questa la ricetta anche per il PNRR di cui pure non si sa nulla dei progetti in campo nè si è avviato alcun dibattito in città.
E quindi eccoci qua, pronti a fare controllo popolare come sempre perché i notabili altezzosi non ci so mai piaciuti!



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*