Napoli, nuovi modelli di gestione degli spazi culturali: confronto in commissione

napoli

A giugno – ha comunicato Vaccaro – Napoli sarà capofila nazionale per l’inaugurazione del Festival della Musica, mentre per queste festività natalizie sono stati investiti 80mila euro finanziati dalla Città Metropolitana per otto spettacoli; stessa provenienza hanno i 250mila euro con cui è stata finanziata la mostra permanente su Massimo Troisi allestita al Palazzo delle Arti di Napoli.

Carenza personale

Vaccaro ha evidenziato la forte carenza di personale nei siti culturali comunali di sua competenza – Castel dell’Ovo, complesso monumentale di San Domenico Maggiore, Palazzo delle Arti, chiesa di San Severo al Pendino, biblioteca Annalisa Durante – e nel corso del dibattito, durante il quale sono intervenuti i consiglieri Toti Lange (Misto), Gennaro Esposito (Manfredi Sindaco), Luigi Musto (Manfredi Sindaco), Gennaro Rispoli (Napoli Libera), Bianca Maria D’Angelo (Gruppo Maresca), è emersa la necessità di pensare a nuovi modelli di gestione per la loro valorizzazione.

In particolare, la proposta condivisa dalla commissione è di valutare modelli di co-gestione dei siti con soggetti privati, così da avviare un virtuoso processo di sviluppo culturale ed economico; vanno dunque individuati gli strumenti utili per selezionare le realtà più qualificate nella gestione degli spazi comunali, con particolare attenzione alla rivalutazione della loro storia e identità.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*