Elena Coccia: “Le differenze…”

napoli

La differenza tra il sindaco Manfredi e l’ex sindaco De Magistris sta anche in questo: quando decise di candidarsi, Luigi non andò subito a guardare la cassa, ma guardò ai bisogni della città. Manfredi, viceversa ha posto una condizione: sarebbe stato sindaco solo se si appianava il debito. Purtroppo non aveva voluto capire con che pinocchi aveva a che fare, ed oggi sbandiera gli 85 milioni che sarebbero stati dati a Napoli. Una goccia nel mare, nulla. In cambio chiedono la più massiccia cura dimagrante che si possa fare, esternalizzazioni, vendita del patrimonio, tasse al massim,o ecc.

Sana anomalia

Purtroppo ciò che manca alla giunta Manfredi e che invece era la “sana anomalia” di de Magistris, (che si è voluta cancellare ) è la concezione del debito, che conduce alla concezione della democrazia: il Comune non è una azienda che produce profitti, è invece un ente di prossimità che deve produrre servizi, beni essenziali, condizione di benessere per i cittadini, ponendo anche le basi per sviluppo e lavoro. TUTTO QUESTO NON SI FA SVENDENDO IL PATRIMONIO DI UN ENTE, NÉ PIETENDO FONDI, MA PRETENDENDO CHE IL GOVERNO LI EROGHI, QUANTO MENO IN MISURA UGUALE A QUELLI DELLE ALTRE GRANDI CITTÀ. Allora di che parliamo? Delle misure abiette che il documento di bilancio chiede ai Comuni?licenziate, vendete, stringete , tartassate! E questa sarebbe democrazia? Se Draghi ha diretto le banche, il cui fine è lucro, come può in misura diversa dirigere un Paese? Non ne ha la cultura, così il sindaco Manfredi che a questo punto mi fa anche un po’ pena. LUI A MONTECITORIO NON CI VA COL POPOLO DI NAPOLI MA CON IL TRENO O CON L ‘AUTO DI SERVIZIO. QUESTA È LA DIFFERENZA.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*