Prinzi, PaP: “L’amore che si dichiara teatralmente ai quattro venti è certo più pomposo di un quotidiano impegno. Ma è truffa e non salvezza”

napoli

Ok la puntata di Alberto Angela, la proietterei ovunque, però se vogliamo fare un salto di qualità non possiamo stare sempre nella posizione “voi dite che facciamo schifo e invece abbiamo il Vesuvio”. Questa è una mentalità da subalterni. Quella di chi vive solo sotto lo sguardo altrui, rispetto a cui o si deve giustificare oppure chiudere in una stupida esaltazione. La mentalità di chi reagisce e non agisce, e si mette volontariamente ai margini della Storia.
Dice: ma noi siamo orgogliosi. Ma, amico mio, si è orgogliosi di quello che si fa, o di quello che si è perché lo si è fatto, non di quello che si è ereditato dalla natura o dalle passate generazioni.

Tu esattamente che fai? Ne vogliamo parlare?

Perché se da un lato a Napoli c’è chi fa cose incredibili con due euro, si uccide per il prossimo e per rendere anche un pezzo di vicolo più abitabile, con una generosità che è raro trovare altrove, la maggioranza se ne fotte, pensa al cazzo suo, si mobilita solo per il proprio particolare. Passa il tempo a strafogarsi e a parlare di cazzate, lasciando andare tutto in malora, lasciando partire i propri figli.
Non disdegnando la piccola arroganza quando può, e il servilismo quando deve.
Quello che la trasmissione di Angela ci dovrebbe far pensare è piuttosto: “siccome qui è successo qualcosa di grande, può succedere ancora. Quindi impegniamoci a essere grandi”.
Questo sarebbe un atteggiamento realmente sovrano: non giudicarsi attraverso occhi e parametri altrui, ma rispetto a quello che siamo stati e possiamo essere. Rispetto alle potenzialità che abbiamo. A come sappiamo reinterpretare quello che abbiamo ricevuto in dono.
L’amore che si dichiara teatralmente ai quattro venti è certo più pomposo di un quotidiano impegno. Ma è truffa e non salvezza.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*