Granato, PaP: “Coniugando passato e presente è l’unica che possa parlare la lingua del futuro”

granato

Quando ci approcciamo a Napoli – ma anche alla nostra Italia – troppo spesso assumiamo lo sguardo dello spettatore: ce ne stiamo fermi a osservare.
Poco cambia che lo facciamo per deplorare camorra e immondizia o per ammirare la Cappella di San Severo e i segreti che si aprono allo sguardo di chi sa perdersi nei vicoli della città.

Dicotomia

La dicotomia non è tra chi parla bene e chi parla male di Napoli, ma tra chi si percepisce spettatore e chi vuole essere attore; tra chi sta fermo, a lamentarsi per i problemi – nuovi o atavici – o ad esaltarsi per le glorie passate, e chi, al contrario, figlio della complessità della città, si mette all’opera per riscattare ogni singolo giorno. Come i gruppi che recuperano una chiesa, quelli che occupano un ex manicomio, quelli che riaprono un giardino o una villa da rimettere a disposizione della popolazione.
Ieri Alberto Angela ha mostrato anche questa parte, sebbene in filigrana.
Ed è questa la più grande ricchezza della nostra terra. Più ancora degli spettacolari mosaici di Pompei o dell’“umanissimo” Cristo Velato.
Coniugando passato e presente è l’unica che possa parlare la lingua del futuro.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*