Clemente: “Il valore della gioventù è solo estetico o anche Etico?”

gioventù

Il valore della gioventù è solo estetico o anche Etico?
Pensatori Pesanti del Pendino
Chissà la nostra Alessandra Clemente come sarà da vecchia? Diventerà “chic rosé” come i nostri nonnetti superpagati Assessori? Oppure assumerà l’aria Zen da panchinaro a oltranza del campo largo ruotoliano? Anche il nostro First Gentlemen Carmine Foreste? Lo immaginate pentastellato andreottiano alla Conte? Oppure eroe dei circoli ginnici posillipini per la terza età in stile bassoliniano? O, ancora, sarà folgorato sulla Via Orazio dal pensiero unico cirinopomicesco?

Il valore della gioventù è solo estetico o anche Etico?

L’esperienza politica di De Magistris come Sindaco di Napoli lascia una indiscutibile eredità: una generazione di giovani impegnati, presentabili e puliti. Paradossalmente anche le tante quaglie di DeMa mantengono, a dispetto del comportamento ambiguo degli ultimi tempi, un’aura di rispettabilità e competenza. Del resto le identità politiche, nate da esperienza civiche, sono liquide e incerte. “I movimenti, appunto, si muovono” mi disse una volta Elena Coccia. Può piacere o no, ma tutto sommato quello che resta, se resta, è i nostri CHI SIAMO e, quando non SIAMO, non siamo.
Ma da dove ricominciare per ricominciare? Chi, come me, è affetto dal più cupo provincialismo e pensa che tutto, ma proprio tutto, sia iniziato a Napoli, non può far altro che pensare che la Sinistra riparta da Napoli. Abbiamo inventato il baseball, che non è altro che una derivazione pacchiana del nostro “mazz’ e pivete”. Abbiamo inventato l’Intifada, con i nostri scugnizzi nelle Quattro Giornate. Probabilmente Shakespeare è nato a Piazza Garibaldi. Non dobbiamo certo temere che il nostro amatissimo Governatore metta in discussione i nostri simboli alieni: il tondo navicella spaziale della pizza, l’azzurro metafisico del cielo e la follia extraterrestre dell’asino. Anzi: dobbiamo comprendere che dopo millenni di sudditanza culturale il nostro amatissimo Governatore voglia impedire che mangiamo la pizza per strada, per farci un dispettuccio. Il Virus gli ha dato una ribalta inimmaginabile e il codazzo di truppe scriventi al suo seguito ha bisogno di una sparata al giorno per riempire di senso la propria sudditanza.

Una politica giovane, che riparta dai giovani e che metta al centro dell’agenda politica i giovani

Senza Lavoro, Servizi e Diritti i nostri Migliori potranno fa quadrare i bilanci ma, alla fine, porteranno questo Paese verso l’auto-estinzione. DODICI MILIONI di Italiani in meno nei prossimi decenni. Un dato che non ha bisogno di nessun commento. Risulta però chiaro che chi ha condotto questo Paese alla bancarotta totale, non può certo ricostruirlo. Trenta anni di scivolamenti Etici producono una mollezza che ci rende (a noi vecchietti, o quasi) molto affascinati, ma poco incisivi nella realtà. Poco concreti e, paradossalmente, poco saggi. Come un vino invecchiato male che sa di muffa e di rancido. In civiltà antiche la vecchiaia era l’età della sobrietà, oggi è quella del bungabunga e del protagonismo “pacchiano” dei nostri amatissimi De Luca in circolazione. Forse è l’assenza di “specchi”, oppure che la stessa velocità ci ha fatto sfuggire la vita da mano ma, alla fine, siamo solo peggiorati.
Così Etica e estetica si fondono nei meravigliosi occhi del nostro candidato unico a Sindaco di Napoli Alessandra Clemente. Si fondono perché contagiano. Perché ci fanno sentire migliori. Perché formano e aggregano altri sguardi lindi che significa allo stesso tempo Belli e Puliti.

Quindi grazie a Luigi De Magistris che ha immesso in circolazione tanti giovani forti

Ma quello che a noi Pensatori Pesanti del Pendino resta oscuro è perché, in questa operazione, si è sempre dovuto confrontare con la stessa parte di sinistra rosé? Da Magistrato, da Cittadino, da Militante e da Sindaco è andato a scontrarsi sempre con la stessa “area” politica. Perché? Perché i vecchi, appunto, tessono ragnatele, trappole fatte da poteri di difficilissima comprensione, poteri che con i decenni si stratificano nella società permeandola a fondo, troppo affondo. Anche solo aver tentato di squarciare questa ragnatela è un peccato che, in qualche modo, gli vogliono far pagare. Perché il potere “vecchio” è invisibile, oscuro, ma rassicurante e soft. In realtà questo potere è maschera crudele, camuffata dall’essere canuta. Solo i giovani ci possono restituire un’infanzia felice.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*