PaP: “Caro Babbo Natale portaci il salario minimo di 10 euro all’ora”

natale

Nella notte di ieri, Potere al Popolo ha tappezzato Napoli di striscioni. L’azione fa parte della mobilitazione nazionale contro il carovita, dal titolo “Solo Babbo Natale lavora gratis (e non paga le bollette): salario minimo e stop carovita!”.

Nel capoluogo campano, gli striscioni di Potere al Popolo sono apparsi dal centro storico fino all’Area Est e riportano diversi slogan, tra cui: “UNO SPRITZ 5 EURO, UN’ORA DI LAVORO 3 EURO.VOGLIAMO IL SALARIO MINIMO!”; “UNA PIZZA 7 EURO, UN’ORA DI LAVORO 4 EURO.VOGLIAMO IL SALARIO MINIMO!”; “CARO BABBO NATALE QUEST’ANNO PORTACI IL SALARIO MINIMO 10 EURO L’ORA”.

Potere al Popolo ha indetto per oggi, 18 dicembre, manifestazioni in tutta Italia, per chiedere

-Il blocco dei licenziamenti e l’approvazione dell’emendamento anti-delocalizzazione alla legge di bilancio, presentato dal senatore di Potere al Popolo, Matteo Mantero

-Una legge che istituisca un salario minimo di 10 euro l’ora


-Lo stop all’aumento dei prezzi dei prodotti di largo consumo e dei beni di prima necessità

Con questa mobilitazione in decine di città, Potere al Popolo vuole rimettere al centro del dibattito pubblico le condizioni di vita dei giovani, dei precari, dei pensionati e di tutti quei lavoratori poveri, che pagano in prima persona gli aumenti del costo della vita, l’assenza di un salario minimo e la mancanza di una legge contro le delocalizzazioni. Tutto questo accade mentre il governo di Mario Draghi, con il largo consenso di tutti i partiti, continua a far prevalere gli interessi dei grandi industriali, degli evasori milionari, e della cricca di Confindustria e delle clientele parassitarie del paese.

Granato

«In questo momento -spiega Giuliano Granato, portavoce nazionale di Potere al Popolo – ci viene detto che l’economia è in ripresa, ma la maggior parte della popolazione non ne vede gli effetti. Infatti, secondo le stime, in Italia, nel 2021 la pandemia ha creato un milione di nuovi poveri.
A causa dell’inflazione, che a novembre ha raggiunto quota 3,8%, sono aumentati i prezzi dei generi di prima necessità. Le previsioni ci dicono che una famiglia con un reddito inferiore ai 35 mila euro annui, l’anno prossimo spenderà 1700 euro in più. Allo stesso tempo, i salari sono diminuiti: sono tra i più bassi d’Europa e dal 1990 non fanno che abbassarsi».


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*