Clemente: “Si è scelta la via più facile, chiudere tutto e a pagare saranno come al solito i cittadini”

dpcm




Come abbiamo imparato, da due anni a questa parte, si rinuncia a gestire in sicurezza le festività, scegliendo come unica strada possibile quella delle chiusure, delle punizioni e dell’inasprimento delle misure di contenimento della pandemia che già esistono.
Proibire il consumo di cibi e bevande all’esterno dei locali non servirà certamente a limitare gli assembramenti, che sono già vietati da precedenti disposizioni in materia di sicurezza sanitaria, ma sarà solo un modo per favorire le riunioni in luoghi chiusi, dove il contagio è più diffuso, danneggiare i ristoratori corretti e al contrario agevolare quelli abusivi o disonesti.

Supplizio

Con questa ordinanza sarà un supplizio per le attività commerciali, che vedono nel Natale un’opportunità di guadagno dopo quasi due anni di lavoro a intermittenza e perdite enormi. Alcuni di loro hanno già provveduto a fare gli ordini della merce in previsione delle festività, a meno di 10 giorni dal Natale chi li rimborserà? Quella contro la movida è una battaglia ideologica, non si può certamente pensare di lasciare libertà assoluta ai cittadini in questi giorni di festa, ma bisognava pensare a contemperare le misure affinchè si potessero equilibrare gli interessi di tutti. In questo modo si getta la croce solo su alcuni, sempre gli stessi dal marzo del 2020.
Aggiungo che, parlare di “migliaia di giovani senza mascherina che bevono dalla stessa bottiglia”, come fatto dal presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca, significa mancare di rispetto all’intelligenza di tutti quei ragazzi che tra scuole e università chiuse, lockdown e limitazioni della socialità, sono stati i più colpiti nei mesi che abbiamo trascorso.

Via facile

L’obbligo della mascherina anche all’aperto, il Super Green Pass, il divieto di assembrarsi, proibire l’asporto oltre le 22, sono tutte misure già in atto, alla cui applicazione sarebbe bastata l’aggiunta del contingentamento degli ingressi in alcune punti critici per la movida cittadina, così da agevolare i controlli da parte delle forze dell’ordine.
Si è scelta invece la via più facile, non gestire, chiudere tutto, e a pagare saranno come al solito i cittadini.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*