PaP, ci siamo stati per tutto il periodo dell’emergenza ed ora…?

emergenza

“Ciao ora vedete solo cartelli, prima c’eravamo anche noi. Si c’eravamo, eravamo nelle corsie dei reparti covid, nei pronto soccorso, nei reparti ordinari”.

Ci siamo stati per tutto il periodo dell’emergenza ed ora…?

“Ora abbiamo pagato il prezzo di essere precari in questo paese e in questa regione che ormai da troppo tempo utilizza lavoratori e lavoratrici per resistere alle emergenze, quando l’emergenza sanitaria in realtà è costante. Assenza di posti letto, assenza di personale m, assenza di presidi ospedalieri e di mezzi”.

Ora siamo a casa, in cassa integrazione per conto della cooperativa

E intanto? Chi dirige la sanità anni si diverte a vederci fare la guerra dei poveri-precari, chi con contratto determinato tramite ASL, chi con contratto tramite cooperativa e agenzia interinale e chi intanto attende in graduatoria dopo aver partecipato ad un concorso di 4 anni fa.

Da un giorno all’altro ci hanno chiamati per lavorare all’interno dei reparti Covid e da un giorno all’altro siamo stati mandati via. Ora siamo in cassaintegrazione, mentre la #Campania è una delle regioni dove manca sempre più personale sanitario.


Concorsi e graduatorie bloccate in Campania, operatrici e operatori sanitari costretti ad emigrare per provare concorsi fuori dalla Regione nonostante il sotto organico di personale sia la prima conseguenze di malasanità.

Ma noi non ci arrenderemo!

Siamo stanchi di attendere da anni un concorso, lo sblocco delle graduatorie, un contratto a tempo indeterminato dopo anni di precarietà, ora, organizziamoci!
Per una sanità pubblica efficiente e non precaria.”


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*