Presidio di Potere al Popolo a San Gregorio Armeno

popolo

Nel pomeriggio di oggi, alle 17, a piazza San Gaetano, all’altezza di San Gregorio Armeno, in contemporanea all’inaugurazione della fiera di Natale, una ventina di attivisti di Potere al Popolo ha manifestato per affermare quanto sia un paradosso che le casette di legno, in cui saranno ospitate le esposizioni dei presepi, siano state donate da Vincenzo Albertini, presidente di Napoli Sotterranea.

Potere al Popolo ha esposto dei cartelli con su scritto: “Nessuna passerella con chi violenta le lavoratrici” e “Casette offerete dal lavoro nero”. Oltre, ad uno striscione con la scritta: “Mai più lavoro nero e molestie. Fuori Albertini da Napoli Sotterranea”.

Vari interventi

 

Durante il presidio, con vari interventi al megafono, gli attivisti hanno ricordato che Vincenzo Albertini è stato condannato in primo e secondo grado dal tribunale di Napoli, per violenza sessuale ai danni di una ex guida del sito turistico.
In tutte le fasi dei processi, Potere al Popolo ha contribuito sostenendo la vittima, insieme agli avvocati della camera popolare del lavoro dell’ex Opg Je so pazzo, e con una campagna contro lo sfruttamento del lavoro nero.


“Accettando il dono di Albertini, di fatto, la nuova amministrazione riabilita un condannato, dimenticando i lavoratori e le lavoratrici di Napoli Sotterranea, vittime di violenze e di sfruttamento sul lavoro.
È una situazione paradossale, se si pensa che il comune di Napoli è stato parte civile nel processo penale contro Albertini. È con persone così, già note per violenza e sfruttamento dei lavoratori, che Manfredi vuole iniziare il nuovo corso della città?”.
Spiega Chiara Capretti, consigliera eletta con Potere al Popolo alla II municipalità.

Bene pubblico

Inoltre, Napoli sotterranea è un bene pubblico, attualmente in un contenzioso tra comune e demanio, che Albertini gestisce illegalmente.
L’attuale presidente paga un canone irrisorio per la gestione di un bene pubblico, oltre ad essere stato condannato per violenza sessuale e aver compiuto illeciti, come evasione fiscale e sfruttamento del lavoro nero.

Potere al Popolo ritiene poi fuori contesto che all’inaugurazione presenzi anche Vescovo Mimmo Battaglia, da sempre in prima linea nelle difesa degli ultimi e degli sfruttati.
Per questo, attraverso i suoi canali, il Pap ha chiesto al vescovo di ritirare ufficialmente la sua presenza, in solidarietà alle vittime di Vincenzo Albertini.

Il presidio si è sciolto dopo un breve corteo per le strade del centro storico, arrivato fino all’angolo tra piazza San Domenico e via Mezzocannone.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*