De Magistris: “La lotta per i diritti civili”

de magistris

Napoli negli ultimi dieci anni è stata in prima linea nella lotta per i diritti e le libertà civili. Troppo lungo fare un elenco completo delle tante battaglie e conquiste.
Ricordo i #pride nelle vie della città, sempre più partecipati, di contenuti e persone.
Prima città italiana ad istituire il registro delle unioni civili.
L’istituzione del registro del testamento biologico.
Le trascrizioni dei matrimoni celebrati all’estero da persone dello stesso sesso.
La semplificazione per cambiare il nome all’anagrafe alle persone trans che hanno mutato sesso.
La lotta per dare la carta d’identità al dolcissimo Ruben figlio di due donne lesbiche. Nessuna città voleva dare il documento d’identità e Ruben non riusciva a rientrare in Italia essendo nato a Barcellona. La mamma napoletana ci ha contattato e noi siamo stati i primi in Italia. Ricordo la bellissima cerimonia in sala giunta a Palazzo San Giacomo, sono stato anche denunciato dalla Prefettura di Napoli alla Procura della Repubblica. Procedimento archiviato. L’umanità non si processa. La Costituzione si applica e non si calpesta.

Poi la cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati

I documenti di riconoscimento all’anagrafe per gli immigrati richiedenti asilo e permesso di soggiorno e per tutti quegli esseri umani che per il Governo Conte/Salvini/Di Maio dovevano rimanere privi di diritti. Anche qui sono stato denunciato penalmente da parte della Prefettura. Procedimento archiviato. La Corte Costituzionale poi ci ha dato ragione. L’umanità non si processa. La costituzione si applica e non si calpesta.
Napoli “porto aperto”.
Ricordo che qualche tempo dopo Salvini diviene imputato per sequestro di persona di rifugiati. Il Governo M5S/Lega ci voleva colpire con la legalità formale, di cui faceva abuso, ed è stato fermato dall’applicazione della giustizia costituzionale. Voi l’abuso del diritto, noi l’uso del diritto.
Ancora, la casa rifugio per persone trans vittime di violenza.

La costituzione di parte civile in tutti i processi di femminicidio

I centri antiviolenza e le delibere contro ogni forma di discriminazione di genere.
Queste lotte hanno reso il volto della città più umano e più libero.
Ringrazio la comunità LGBTQ+ che è stata esempio di amore e di militanza.
Ringrazio tutta la comunità migrante che rende Napoli città meticcia ed universale.
Per essere combattenti della giustizia si paga un prezzo, ma è il prezzo che ci serve per ricordare che le libertà sono una conquista e quando le raggiungi ti sembrano scontate, quando le perdi ti comincia a mancare l’aria.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*