Sorrentino: “Essere eletta Vicepresidente del Consiglio Comunale di Napoli è per me motivo di profondo orgoglio”

napoli

Essere eletta Vicepresidente del Consiglio Comunale di Napoli è per me motivo di profondo orgoglio che ho intenzione di onorare nell’unico modo che conosco: con umiltà, impegno, dedizione totale.
Questa mattina la nostra città, eleggendo due donne nell’ufficio di Presidenza del Consiglio, consegna a chi ci osserva e al Paese un messaggio potente di fiducia e riconoscimento del ruolo fondamentale delle donne nella vita sociale e politica delle nostre comunità.

Il 4 ottobre ho realizzato il sogno di rappresentare la mia terra attraverso il mandato popolare

A Napoli ho dedicato la mia vita contribuendo, attraverso le mie attività, a delineare una visione di sviluppo territoriale coerente con la mia sensibilità politica.
Ho sempre sostenuto, infatti, che Napoli dovesse esprimere un modello di governo del territorio capace di fare della propria singolarità una risorsa su cui scommettere e non un limite alla sua affermazione nelle diverse aree del mondo globalizzato.
Ma è evidente che ogni ragionamento di prospettiva sul futuro della città non può prescindere da un ripensamento organico della finanza locale, qui come nelle altre città metropolitane e in molti comuni italiani, specie del Sud.

Federalismo

Il federalismo fiscale, l’applicazione dei criteri di spesa storica, i progressivi tagli agli enti locali consegnano una situazione contabile particolarmente difficile, aggravata da una macchina comunale che va totalmente riprogrammata, sia in termini quantitativi che in termini qualitativi.
Ecco perché è necessario fare dell’equità territoriale il principale proposito dell’azione amministrativa, fondamentale per il riscatto economico e sociale di Napoli, che è capitale naturale del Mezzogiorno e che per questo interpreta i bisogni di un territorio vasto, non soltanto di una città.
Dedico questo riconoscimento al mio compagno, alla mia famiglia.
Dedico questo riconoscimento ai giovani di questa terra, talento e capitale umano da trattenere e valorizzare.
Oggi, come più giovane Vicepresidente del consiglio comunale di Napoli di sempre, rivolgo a loro l’invito a non lasciarsi mai sopraffare da chi vorrà suggerirgli apatia o indifferenza, ma di trovare sempre un motivo per credere in se stessi e per migliorare ciò che li circonda.
A noi consiglieri l’invito a costruire le condizioni che consentano ai nostri ragazzi di partire dalla nostra città solo per scelta e mai costretti dall’assenza di lavoro ed occasioni.
Affinché Napoli non sia un luogo da cui fuggire, ma -per tutti- una straordinaria opportunità a cui dedicare energie, tempo e cura.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*