Clemente: “Terribili parole…”

napoletani

“Lo sai qual è il problema? Che tu sei un negro sei di una razza di merda e rimarrai schiavo a vita, devi fare solo il negro nella vita.”
Queste sono le terribili parole che si è sentito dire un trentaquattrenne meccanico della Costa d’Avorio reo di aver chiesto diritti ed un salario degno (percepiva 15 euro al giorno per oltre 12 ore di lavoro…). Poi minacce, altri insulti, da quello che era il titolare dell’officina napoletana nella quale lavorava il giovane.
Io l’audio l’ho ascoltato ed è stato terribile ascoltare quelle parole pronunciate con rabbia ed odio nel dialetto della mia città.

Voglio esprimere solidarità al giovane e al contempo vorrei dire qualcosa al suo ex titolare

Gli vorrei dire che il problema non è certo il nero della pella di quel ragazzo, semmai il lavoro nero a cui lui (e non mi è difficile immaginare anche tantissimi altri) sono costretti da piccole persone e piccolissimi imprenditori, che non riconoscono la dignità del lavoratore.
Il problema non è il nero della pelle, ma il nero di certe anime, che con Napoli non c’entrano proprio niente. Ecco, se vogliamo parlare di “razza”, iniziamo da chiederci che razza di uomo schiavizza i propri dipendenti? Che razza di uomo usa certe parole?
Sul tema del #lavoro saremo in prima linea



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*