Clemente: “No alla camorra, no alla loro prepotenza, al loro odio”

clemente

Ieri ero a Marano, insieme a Don Luigi Ciotti ed a tanti amici di un lungo viaggio iniziato da una tragedia personale terribile. Un viaggio che mi ha permesso di crescere, forse anche troppo in fretta, è vero. Un viaggio la cui meta sembra spostarsi ogni volta che la sfioriamo o ci illudiamo di farlo.

L’occasione era il Marano Ragazzi Spot Festival, il festival della legalità e comunicazione sociale

Mentre Don Ciotti ci incantava con le sue parole, Libera Contro le Mafie, la nostra associazione, veniva attaccata in modo vile, come solo i mafiosi sanno fare.
Mentre a Marano si parlava dell’importanza delle parole e del loro uso, qualche vigliacco le usava per minacciare ed incutere terrore.
Mentre noi parliamo di giustizia sociale e di beni comuni, l’egoismo camorrista scriveva parole di odio. Questa è la porta di un bene sequestrato alla camorra a Casalnuovo, dove nascerà un centro per famiglie.
Questo è il loro modo di dire “no”. Ma non ci fanno paura e oggi inizieranno comunque i lavori. Alle 10 parteciperò al flashmob organizzato da Libera e dalle associazioni. È il nostro modo per dire “no”.
No alla camorra, no alla loro prepotenza, al loro odio.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*