Clemente: “Una cosa che spero. Una cosa che non mi piace. Una cosa che mi ha stupita. Un paio che non trovo”

napoli

Il sindaco Manfredi ha presentato alla città la giunta. Auguro al nuovo Sindaco innanzitutto buon lavoro perché sono napoletana e perché spero che per #Napoli venga fatto il miglior lavoro possibile e che vengano le cose buone che tutti desideriamo.
“Chi fa si incontra e solo chi non fa non si incontra mai”. Chi mi conosce e frequenta sa che spesso uso questa frase soprattutto come vincolo di solidarietà nei confronti di chi c’è sempre e da sempre, a discapito di chi fa il turista o lo vedi solo a ridosso delle elezioni o delle telecamere. Per questo apprezzo alcune delle figure nominate in Giunta perché ho avuto modo di incontrarle sul campo, dedicate in prima linea in questi anni ai temi loro cari e di competenza, ma in verità, il quadro complessivo che mi restituisce la giunta a guida Manfredi è un’immagine che non mi piace.

Nessun under 40 di cui la nostra città è piena e, al contempo, drammaticamente si svuota

Ha ragione il direttore Marco de Marco: all’appello mancano i #giovani. È mancato il coraggio e la visione di dare a giovani brillanti, per cui Napoli si distingue nel mondo con i fatti, protagonismo e responsabilità, in un virtuoso patto tra generazioni ed esperienze, tra chi gode della pensione e chi la pensione, temo se non cambi davvero qualcosa nel paese, non l’avrà mai.
Mi ha davvero stupito, invece, che non ci sia un assessorato dedicato esclusivamente alla cultura, ma una delega, tra tantissime altre, tenute dal Sindaco. Propongo che si riveda questa scelta, riflettendoci su.
L’assenza di un assessorato dedicato alla cultura credo sia una prima volta assoluta nella storia della città. Innata, costituente, identitaria è la relazione tra Napoli e cultura.

Cultura

La #cultura è il faro della nostra identità e quindi, ancor più oggi, la strada maestra della rinascita dei nostri quartieri oltre il Covid, facendo tornare l’arte, lo spettacolo e le maestranze che rendono tutto ciò possibile a lavorare e ad illuminare le nostre piazze, strade, vicoli. Uno strumento di inclusione, lotta alla criminalità, #lavoro e valorizzazione del nostro patrimonio.
Patrimonio, appunto. Ci sono un paio di cose che non trovo. Che fine hanno fatto, poi, le deleghe al patrimonio e al diritto alla casa?



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*