Granato, PaP: “Il lavoro nero e povero è la piaga della nostra terra!”

mugnano

Nuove testimonianze da quell’inferno chiamato lavoro nero e povero.
Ai microfoni di Gianni Simioli a La Radiazza, programma mattutino cult di Radio Marte, Giuliano Granato, portavoce nazionale di Potere al Popolo! denuncia l’ennesima offerta di lavoro lesive della dignità dei lavoratori: “il proprietario di una fabbrica di scatole sta cercando lavoratori che accettino 48h di lavoro settimanale in cambio di una retribuzione di soli 300€: 1,56€ l’ora!. Per di più, contattato su whatsapp da un giovane in cerca di lavoro, questa persona continuava a inviare messaggi con le condizioni offerte, cancellandoli però dopo pochi secondi, evidentemente cosciente della gravità – anche ai termini di legge – di ciò che stava mettendo nero su bianco”.

Lavoro nero

Simioli e Granato hanno poi raccolto altre testimonianze in diretta radiofonica di persone che hanno denunciato come il lavoro nero e povero sia tutt’altro che l’eccezione: dai dipendenti di fabbriche tessili passando per quelli di barbieri e parrucchieri. È qui che è emerso il racconto di un padre adirato per le condizioni cui è costretto il figlio diciannovenne: 60€ a settimana a nero per 5 giorni lavorativi.

“La battaglia contro il lavoro nero e povero” – aggiungono Granato e Simioli – “è battaglia di civiltà, che investe tanto le istituzioni quanto i cittadini. Prenderne coscienza è il primo passo, denunciare il secondo. Agire insieme per cambiare le cose, senza arrenderci al “non si può fare”, il terzo e assolutamente decisivo.”

Dai microfoni de La Radiazza, Granato e Simioli da mesi stanno combattendo questa crociata contro lo sfruttamento su troppi posti di lavoro, facendosi megafono e portavoce dei bisogni di migliaia e migliaia di uomini e donne, giovani e non, che vorrebbero semplicemente lavorare in condizioni dignitose.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*