Giugliano, Stop Impianti: Sindaci, Chiesa e Associazioni contro il degrado

giugliano

L’amministrazione di Giugliano si è unita ‘ad adiuvandum’ al ricorso presentato dal Comune di Qualiano contro la realizzazione dell’impianto nell’area ex Turbo Gas e ha dato mandato a un legale contro l’attivazione di un nuovo impianto a trattamento termico a Ponte Riccio. Di queste e di altre iniziative si discuterà nel corso della conferenza stampa fissata per il 15 ottobre, alle ore 17, nella Sala Consiliare del Comune di Giugliano, assieme al Vescovo di Aversa Monsignor Spinillo, ai Sindaci dell’area tra Napoli e Caserta, ai Comitati di cittadini, tutti assieme impegnati sui temi ambientali e di sviluppo sostenibile dei territori.

Logica da superare

“A Giugliano stiamo lavorando anche al superamento della logica dei campi rom e all’Osservatorio comunale ambientale proprio per rimuovere quanti più ostacoli possibile allo sviluppo e per consentire la partecipazione dei cittadini alle scelte che riguardano il destino del nostro territorio, specie ora che i sindaci si ritrovano a sottoscrivere importanti patti per un nuovo sviluppo al Sud”, dice il sindaco di Giugliano Nicola Pirozzi.

Il fronte del No al degrado, – ostacolo principale allo sviluppo sociale, economico e culturale dell’area – si dà appuntamento per consolidare un coordinamento strutturato e permanente che sta prendendo forma tra gli enti locali, attraverso i loro amministratori, e i cittadini, anche attraverso molti comitati e associazioni. L’obiettivo del coordinamento è un “patto di azioni” da sottoscrivere per il superamento delle criticità legate al territorio, non solo in campo ambientale.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*